Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 703
RAGUSA - 02/08/2014
Sport - Basket, A1: la squadra si radunerà il 27 per l’inizio della preparazione al PalaMinardi

La texana Plenette Pierson ala-pivot della Passalacqua

Ha giocato nei New York Liberty ed ha conseguito due vittorie del titolo Wnba nel 2006 e nel 2008 Foto Corrierediragusa.it

E’ Plenette Pierson (nella foto) l’ultimo tassello del roster della Passalacqua spedizioni Ragusa. L’annuncio ufficiale è stato dato nel corso della conferenza stampa che è servita a tracciare le linee guida del prossimo campionato. All’incontro con i giornalisti hanno preso parte il vicesindaco di Ragusa Massimo Iannucci, il dirigente della società Salvatore Padua, il tecnico Nino Molino e la riconfermata guardia Virginia Galbiati che si accinge a disputare il terzo campionato consecutivo con la maglia biancoverde.

Pierson, 33 anni, texana di origine, è un’ala-pivot di 188 cm e gioca con i New York Liberty. Nel suo curriculum, due vittorie del titolo Wnba, nel 2006 e nel 2008. Coach Nino Molino ha parlato di lei come una giocatrice di esperienza e qualità, aggressiva agonisticamente e con una mano pulita anche dalla media, che potrà coesistere con Ashley Walker sia sotto canestro che lontano dal pitturato. Quest’anno Pierson ha giocato 25 partite con la maglia dei New York Liberty, con più di 17 minuti di media a gara, tirando con il 50% da due punti e l’85% dalla lunetta.

In sede di conferenza stampa coach Nino Molino si è detto soddisfatto delle scelte operate della società che hanno portato, inevitabilmente, al cambiamento della squadra della scorsa stagione dopo lapartenza di Gatti, Malashenko e Williams che erano state tra le più positive. Dice coach Molino: "Rispetto alla scorsa stagione partiamo con una presenza fisica maggiore, abbiamo alzato le giocatrici in ogni reparto, a discapito magari della rapidità e la capacità di ripartire in transizione. Quello a disposizione è un gruppo con giocatrici esperte come Pierson e Nadalin, affiancate a giovani italiane come Gorini, Gonzalez ed anche la stessa Cinili. Pierson è un elemento che potrà trascinare la squadra. Sono andate via giocatrici importanti e ne sono arrivate altre che dovranno dimostrare di essere altrettanto importanti".