Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 767
RAGUSA - 26/05/2014
Sport - Rugby, serie B: il presidente Vittorio Vindigni ha coinvolto i due professionisti

Padua si gode la salvezza e diventa "social" con 2 esperti

Si tratta di Pancrazio Auteri e Santina Villari, lo scorso anno all’Amatori Messina Foto Corrierediragusa.it

Il Padua si gode la salvezza ma la società fa già la prima mossa per pianificare il futuro che sarà ancora in serie B. Il presidente Vittorio Vindigni ha infatti coinvolto nella struttura societaria due consulenti della comunicazione. Si tratta di Pancrazio Auteri (nella foto) e Santina Villari.
Può sembrare strano parlare di «colpo» per una coppia di «non giocatori», ma la cosa non deve sorprendere visto che, secondo il presidente Vittorio Vindigni, «una buona squadra si costruisce a partire da chi lavora dietro alle scrivanie».

Così i due professionisti, la scorsa stagione all’Amatori Messina, lavoreranno per i biancazzurri, assumendo l’insolito ruolo, per una società rugbystica, di Social Manager. Svolgeranno infatti il ruolo di consulenti di comunicazione occupandosi di divulgazione, di comunicazione sociale, soprattutto rivolta ai bambini e agli adolescenti. Nello specifico organizzando laboratori, collaborando con case editrici e con il Centro Servizi del Volontariato, un’associazione di promozione e solidarietà delle associazioni di volontariato.
Secondo Auteri il filo che unisce le due cose è più spesso di quanto non sembri. "Io credo nel rugby come un’opportunità per creare sviluppo e in questo il Padua ha una marcia in più rispetto alle altre società perché ha un’organizzazione e una cultura del progetto che non ha eguali altrove. E poi c’è Ragusa, un territorio che secondo me ha, nel suo potenziale, la capacità di creare un indotto che può avere enormi ricadute sul mondo del rugby".