Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 688
RAGUSA - 24/05/2014
Sport - Calcio: perfezionata finora l’affiliazione al Comitato regionale siculo

Cesare Sorbo: "Il Ragusa parte solo con un progetto serio"

Fiducioso l’ex Direttore sportivo che insieme a Gaetano Gambina sta cercando di mettere su una solida struttura societaria Foto Corrierediragusa.it

"Stiamo lavorando per una società che dia garanzie e continuità per riportare il calcio a Ragusa". Cesare Sorbo (nella foto) è impegnato in prima linea in questi giorni per la costituzione della nuova società. Il nuovo Ragusa è stato formalmente costituito ed affiliato alla Lega Sicula ma ora ci sono tutti i passaggi da esperire per arrivare alla costruzione della squadra. "C´è tanto interesse - conferma Sorbo - e siamo fiduciosi che qualcosa di buono verrà fuori ma non ci sono al momento certezze. Attendiamo risposte da amici, imprenditori, collaboratori che si sono messi a disposizione. Gaetano Gambina ed io siamo fiduciosi ma non possiamo dare oggi certezze. E´ chiaro che se le cose non ci convincessero o dessero garanzie per il futuro faremmo subito un passo indietro. Sia chiaro che non vogliamo ripetere le esperienze del più recente passato partendo ad Agosto con grandi programmi e chiudere bottega a Dicembre. Questo non succederà".

Attorno al Ragusa c´è tanto interesse comunque ed i tifosi dopo un anno di astinenza premono perchè la società si rimetta in moto. Sono tramontate tutti i progetti cullati e lanciati per costituire una squadra comprensoriale. Tempi non ancora maturi e progetti buoni solo sulla carta. Il Ragusa avrà una sua specifica identità, partirà dalla Promozione e sarà costituito a giovani e giovanissimi che avranno il comune segno denominatore dell´appartenenza alla città ma prima bisogna pensare mettere su una società solida.