Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1410
RAGUSA - 08/04/2014
Sport - Volley, B2: i modicani sono partiti benissimo ma hanno ceduto nel finale

Progeo di misura sul Volley Modica. La Polizia scorta arbitri

I dirigenti dei blacks lamentano minacce e comportamenti ingiuriosi da parte del direttore di gara Foto Corrierediragusa.it

Progeo Ragusa- Volley Modica: 3-2

Progeo Ragusa: Bocchieri 1, Gancitano 13, Lentini 12, Distefano 6, Aulino 9, Pappalardo 10, Gurrieri 5, Firrincieli, Benassi, Gona (lib.). All: Benassi

Volley Modica: Spadaro P. 2, Spadaro S., Incatasciato 10, Assenza 15, Morale 9, Cappello 11, Modica 5, Borgese, Scala, Mauceri (lib.) Ciglieri, Sortino. All: Di Grande

Arbitri: Marco Straniero e Ferdinando Giordani
Set: 20-25, 20-25, 25-14, 31-29, 15-11


Progeo Ragusa (nella foto) fa suo al tie-break il derby e mantiene la quarta posizione in classifica. Il derby finisce con due volanti della Polizia che scortano Marco Straniero, uno dei due arbitri della gara, che non si è sentito sicuro all´uscita del PalaZama ed ha chiesto la scorta dopo una partita molto combattuta, vivace e costellata di errori da parte del primo arbitro che ne ha combinate di cotte e di crude.

Seppur priva di qualsiasi interesse per la classifica, con Ragusa quarto e lontano dalla zona play-off e Modica retrocesso matematicamente da tempo, la gara è stata tesa e combattuta come ogni derby che si rispetti. Modica è sceso in campo con più motivazione dei padroni di casa, forse per rendere meno amara una stagione fallimentare, e Ragusa è stato a guardare senza reagire e così, in men che non si dica, il Volley Modica è andato sul 2-0L´infortunio del giovanissimo Gona e alcune decisioni arbitrali del sig. Straniero della sezione di Catania, sicuramente il peggiore in campo, hanno fatto risvegliare i blacks dal terzo set si sono rimessi in carreggiata ed hanno imposto il loro gioco. Il capitano Distefano ha condotto i suoi per mano ed il quarto parziale è andato sul 24-20. blacks conducono agevolmente anche il quarto parziale fino al 24-20. Poi ancora in cattedra il fischietto catanese che prima non vede un tocco a muro dei modicani e poi ammonisce Gianni Gurrieri, centrale ragusano alla sua prima ammonizione negli oltre 15 anni di carriera. Modica si rifà porta la gara ai vantaggi: le emozioni si susseguono e Ragusa annulla pure un match point. E´ uno stratosferico muro a uno di Lentini sul siracusano Paolo Morale a portare la gara al quinto set in cui uno scoraggiato Modica, che ormai credeva di avere conquistato l´intera posta in palio, assiste impotente alla cavalcata ragusana che ottiene la vittoria tra il tripudio del pubblico amico.

"Una partita non bella ma dai contenuti agonistici elevatissimi - afferma il dirigente ibleo Adamo - in cui il Modica ha dato il massimo pur di riuscire a vincere. L´orgoglio ragusano è venuto fuori quando nessuno se lo aspettava grazie alla insulsa direzione di gara del primo arbitro che però è servita a far reagire i nostri. Grazie a tutti i ragazzi ed al nostro pubblico che hanno onorato al meglio una gara corretta in campo e fuori, rovinata però dal fischietto catanese Straniero e condita solamente da alcuni sfottò a fine gara del tutto normali vista la rivalità storica tra le due società. Presenteremo in Federazione una lettera in cui chiederemo di non avere più nelle nostre gare il Sig. Straniero, artefice di una direzione davvero insufficiente ma, cosa ben più grave, di aver minacciato a fine gara un nostro giocatore. Chi assume certi atteggiamenti ne deve pagare certamente le conseguenze. Tornando alla gara ed al nostro campionato sono davvero soddisfatto dei risultati ottenuti soprattutto perché 4 giocatori sui sette titolari sono atleti locali ed è difficile trovare nei primi posti della classifica squadre che schierano atleti locali".