Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 1119
RAGUSA - 07/03/2014
Sport - Basket, A1: tre settimane di tempo per preparare la sfida play off contro la 7ma in classifica

Coach Nino Molino: "Brava Passalacqua, il 2° posto è tuo"

La prima volta di una squadra neo promossa anche se la sconfitta interna contro Umbertide ha lasciato l’amaro in bocca ai tifosi Foto Corrierediragusa.it

Un passo nella storia ma ha un sapore amaro. Solo per un canestro nei confronti di Umbertide la Passalacqua si è assicurata il secondo posto nelle sfide play off. Le biancoverdi potranno così giocare a fine marzo contro la settima in classifica ed assicurarsi verosimilmente il passaggio del turno.

Ad una neopromossa non era mai riuscita l´ impresa ed è per questo, nonostante la sconfitta contro le umbre, che la soddisfazione è palpabile nella dirigenza e nello staff tecnico ibleo. Adesso, a parte la trasferta di Priolo (ininfluente per la classifica), la squadra biancoverde avrà almeno 20 giorni di tempo per ricaricare le batterie, dato che i playoff cominceranno il 27 o il 30 di marzo. Una pausa che si rende necessaria per permettere di recuperare le varie acciaccate (Williams e Malashenko su tutte) ma anche per fare rifiatare chi, fino ad oggi, è stata costretta a fare gli straordinari.

Coach Nino Molino (nella foto) tira le somme del campionato: "Siamo arrivati matematicamente secondi e questo è un grandissimo risultato. Se ci avessero detto che a inizio anno senza Williams ci giocavamo le partite con Venezia, Umbertide e Lucca qualcuno si sarebbe messo a ridere. Piuttosto c’è da considerare come, con le tre straniere al 100%, abbiamo disputato un girone d’andata davvero super. Adesso abbiamo Walker molto stanca, Malashenko che chiaramente non è al top e che gioca su una gamba sola e Williams che non c’è stata. Ma io, fino alla fine del campionato, ho le 10 giocatrici più forti del mondo. A proposito di incoraggiamento, mi farebbe piacere che si tifasse per Ragusa e non per la singola giocatrice, anche per rispetto a chi in quel momento è in campo. Le giocatrici sono tutte importanti, anche chi entra 3 minuti. Il fatto di essere matematicamente secondi diventa fondamentale proprio per il fatto che adesso avremo un po’ di tempo per impostare la preparazione ed il recupero di chi ha più bisogno». Il tecnico si riferisce ad una fetta di tifosi che sul finire di gara contro Umbertide ha invocato l´ingresso in campo della Galbiati, che è invece rimasta in panchina per una precisa scelta tecnica.