Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:09 - Lettori online 1672
RAGUSA - 09/02/2014
Sport - Calcio, Promozione: peri i verderancio solo due traverse ma due gol sul groppone

Derby pari tra R. Biscari e S. Croce, Comiso sconfitto

Rizzo si fa espellere dopo 3’ e lascia in 10 i biancazzurri che creano occasioni su occasioni ma non passano Foto Corrierediragusa.it

Le partite delle iblee (7ma di ritorno):

Real Biscari – Santa Croce 0 – 0
Canicattì - Comiso 2 - 0


Il tabellino del derby

REAl BISCARI: Mignacca, Marino, Guardabasso (41’st Occhipinti), Buccheri, Guarino, Rotondo, Talarico, Carnemolla, Migliore (10’st Quattrocchi), Dolce, Pecorari. All Dolce.

SANTA CROCE : Gurrieri, Giarratana, Basile, Vasile (38’st Cascone), Buoncompagni, Ragusa, Quintana, Bennardo, Puma, Bonarrigo, Rizzo. All.ri Buoncompagni e La Vaccara.

Arbitro: Del Popolo Carciofolo di Agrigento.
Note. Espulso al 3’ Rizzo. Ammonito Pecorari. Angoli 6-6.


Finisce senza reti il derby fra il Real Biscari e il Santa Croce (nella foto) con un risultato che non accontenta nessuna delle due squadre, desiderose di incamerare l’intera posta in palio per cercare di fare qualche salto in classifica in funzione salvezza. La gara è stata però condizionata dall’espulsione, già al 3’, di Rizzo, che nella gara di andata giocata a Santa Croce, in forza al Real Biscari, aveva deciso la partita con un gol di testa a tempo scaduto. Anche in questa gara di ritorno si può dire che Rizzo abbia deciso la partita in quanto con la sua presenza in campo il Santa Croce avrebbe ancora di più fatto valere la sua superiorità, alla lunga emersa in modo chiaro anche in dieci uomini. Un comportamento inspiegabile da parte di Rizzo che ha lanciato degli improperi dopo un fallo a suo favore non concesso dall’arbitro e che ha costretto la casacca agrigentina ad espellerlo.

Dopo l’espulsione di Rizzo i padroni di casa iniziavano a pressare nell’area avversaria anche se le prime due occasioni da rete le realizzava il Santa Croce al 12’ con Bonarrigo, che in area calciava lungo e al 16’ con Puma che impegnava di testa Mignacca. Al 18’ il primo sussulto dei locali con Pecorari che impegnava in angolo il portiere ospite che si ripeteva al 24’ mandando in angolo la sfera su un tiro dalla lunga distanza di Talarico. Al 32’ il primo grande intervento della gara di Mignacca su tiro ravvicinato di Puma. Al 42’ discesa di Pecorari sulla fascia sinistra con il tiro che impattava sul palo opposto e poi si perdeva in fallo laterale. Al 44’ altro tiro di Talarico parato in due tempi da Gurrieri. Nella ripresa il Santa Croce saliva in cattedra, dominando il gioco e non accusando l’inferiorità numerica. Il Real Biscari non impensieriva la difesa biancazzurra mentre il Santa Croce creava ben cinque occasioni da rete, al 9’, 14’ e 30’ con Quintana e al 44’ e 47’con Puma, sventate con pregevoli parate dal portiere Mignacca che salvava la sua porta e il risultato, impedendo una meritata vittoria agli avversari.

Il Comiso esce sconfitto dalla gara esterna contro il Canicattì che ha fatto valere il fattore campo e trasformato in rete le due sole occasioni da gol lavorate dagli avanti biancorossi. Dopo due gol sciupati nei primi venti minuti dai verdearancio con Satta e Leone, la squadra di casa passava in vantaggio al 25’ con Cambiano che sfruttava uno svarione di un difensore verdearancio e trovava il raddoppio al 15’ della ripresa da calcio d’angolo dove insaccava di testa il difensore centrale biancorosso. Dopo il 2-0 il Comiso prendeva due traverse con Messina e aveva altre occasioni da rete prima del fischio finale.