Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 775
RAGUSA - 02/02/2014
Sport - Calcio, Promozione: a Porto Empedocle Real Biscari fermato dal maltempo sull’1-1

Cinquina del Comiso, solo pari per il S. Croce

In casa verdearancio si dimette il ds Franco Pluchino. A S. Croce l’Aragona recupera lo svantaggio ed impone la divisione dei punti Foto Corrierediragusa.it

Le partite delle Iblee (6a giornata di ritorno, 2 feb. 2014)
Accademia Empedoclina – Real Biscari (sospesa al 5’ della ripresa per impraticabilità del campo sul risultato di 1-1)
Comiso – Aquila Sammichelese 5 – 0
Santa Croce – Aragona 1 - 1


Il botto in questo turno lo fa il Comiso che si impone con un rotondo 5-0 in casa contro il fanalino di coda Aquila Sammichelese, già battuta all’andata per 1-0. La partita si è subito incanalata a favore del Comiso che già al 10’ passava in vantaggio con una punizione dal limite trasformata in rete dal solito Mascara. Al 20’ era Iurato di testa a dare alla formazione di casa il 2-0 mentre Leone al 35’ siglava il 3-0 con un tiro in area dopo un’azione manovrata. Nella ripresa al 10’ Messina portava a quattro le segnature e dopo cinque minuti ancora Leone realizzava la doppietta e il 5-0 finale per i verdearancio. Dopo la gara il direttore sportivo Franco Pluchino ha comunicato alla dirigenza le sue dimissioni dall’incarico. «Mi sento di peso» ha comunicato alla stampa a causa di divergenze di vedute con la dirigenza sulla gestione e organizzazione della squadra.

Perde invece una grossa occasione il Santa Croce (nella foto, un´azione della gara) che si fa fermare dal pari dal coriaceo Aragona, imbottito di giovani ben preparati nella condizione atletica e ben dotati nelle capacità agonistiche. Il campo pesante infatti non ha permesso di far emergere le superiori potenzialità tecniche del Santa Croce mentre, al contrario, si sono imposte quelle fisiche e atletiche degli avversari che sono riusciti a imbrigliare i biancazzurri locali e impedito loro di imporsi nel gioco e nella superiorità in campo. Santa Croce in vantaggio al 9’ con un tiro da fuori area di Puma, che sostituiva l’infortunato La Vaccara, ma costretto al pareggio al 27’ da una rete di Ferrante dopo una corta respinta di Gurrieri su cross dalla sinistra di Cardovino. Ad inizio ripresa, fra il 13’ e il 14’, il Santa Croce confezionava due ottime palle gol rispettivamente con Puma, che mandava alto una palla giunta a due metri dalla porta da cross di Rizzo e con Quintana che svirgolava quasi dal dischetto con lo specchio della porta aperto davanti. Al 18’ il direttore di gara, Lombardo di Marsala, non se la sentiva di concedere un rigore per un plateale atterramento in area di Rizzo.