Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 894
RAGUSA - 16/01/2014
Sport - Calcio, serie D: la società chiederà di continuare solo con i campionati giovanili

Appello della città per porre fine all´agonia del Ragusa

In ogni caso la radiazione arriverà dopo la rinuncia alla partite con Gioiese e Città di Messina in programma per le prossime due giornate Foto Corrierediragusa.it

"Savarese ritira la squadra". L´appello che parte da sindaco, amministratori e sportivi è tutto all´incontrario. Di solito si invita qualcuno a non mollare nei momenti difficili. Ragusa vuole che Nicola Savarese (nella foto) cancelli il suo più recente passato e restituisca almeno il nome del Ragusa alla città. La pantomima consumata domenica contro l´Akragas ha fatto il giro d´Italia ed arrecato un danno grave all´immagine per cui è stato lo stesso sindaco per bocca del suo delegato allo sport, il consigliere Massimo Agosta, a rivolgere l´appello a Nicola Savarese: ". Non siamo abituati a questo genere di cose, e come città siamo vittime anche noi di questo. Adesso è auspicabile che il Ragusa, quanto prima, rinunci al campionato, evitando inutili agonie, e che si cerchi di riprogrammare il futuro, affidando la squadra a gente competente, che possa riportare i colori del Ragusa calcio nelle categorie più consone alla storia ed alla tradizione della città. Quello che più conta, in questo momento, è che i tantissimi ragazzini del vivaio possano avere la possibilità di terminare i vari campionati di appartenenza, in modo da non penalizzare anche dei ragazzi e le loro famiglie che non hanno alcuna colpa in questa vicenda".

Savarese comunicherà alla Lega di cancellare il Ragusa dall´organico delle squadre di serie D e da l quel momento comincerà l´opera di ricostruzione dal basso che non potrà non partire dal basso. Forse dalla Terza Categoria. Intanto urgono due partite prima che la radiazione, a meno che Savarese non scriva la lettera al più presto, diventi effettiva. E´ certo che domenica la squadra non scenderà in campo a Gioia Tauro e sarà la terza rinuncia. L´ultimo atto si consumerà poi all´Aldo campo a fine mese quando è prevista la gara interna contro il Città di Messina. poi, ufficialmente, tutti a casa.