Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 818
RAGUSA - 29/12/2013
Sport - Calcio, serie D: si pofila la rinuncia alla trasferta di Battipaglia con conseguente penalizzazione

Ragusa con l´acqua alla gola: solo 8 giocatori in organico

Si allenano in palestra perchè il magazziniere ha lasciato chiuso lo spogliatoio dell’Aldo Campo Foto Corrierediragusa.it

Un anno nero e quello nuovo non sempre promettere nulla di buono. Il Ragusa (nella foto: la formazione scesa in campo contro la Vibonese) è con l´acqua alla gola ed il rischio di scomparire è appena un passo avanti. E´ fallita l´ennesima trattativa con un fantomatico imprenditore piemontese che era interessato a rilevare la società ma si è defilato subito non appena ha avuto contezza dei debiti e delle spese da affrontare. Allo stato ci sono appena otto giocatori, tutti locali,che si allenato con il tecnico Salvatore Utro ed il preparatore Salvatore Stracquadaneo.

Allenamenti in palestra perchè il magazziniere, che avanza spettanze arretrate,non ha aperto lo stadio e quindi il manipolo di volenterosi si è spostato in palestra. Salvatore Utro si metterà nei prossimi giorni in contatto con il presidente, almeno dal punto di vista formale, Nicola Savarese, per capire se si potrà affrontare la trasferta di Battipaglia di domenica prossima. Sarà molto difficile e la seconda rinuncia è dietro l´angolo con penalizzazione e multa. Anche la formazione Allievi ha dovuto rinunciare alla trasferta a Gela e la società è stata multata a conferma di uno stato di abbandono che non lascia sperare nulla di buono.

Gli appelli si susseguono, come quello del consigliere comunale Mario Chiavola o del presidente del Coni, Sasà Cintolo, ma non si riesce a smuovere una situazione bloccata perchè bisogna rilevare la società da Savarese e caricarsi arretrati e spese per almeno 50 mila euro per salvare un malato terminale.