Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1336
RAGUSA - 20/12/2013
Sport - Basket, serie C: si gioca sabato alle 18.30 l’anticipo della 2a giornata di ritorno

Nova Virtus in casa contro "cenerentola" Sporting Adrano

Tra i ragusani mancherà Alessandro Sorrentino ma non ci dovrebbero essere problemi di sorta vista la differenza dei valori tecnici in caampo Foto Corrierediragusa.it

Reduce dalla fruttuosa doppia trasferta in tre giorni ai piedi dell’Etna (la gara con la Pgs Sales ed il recupero con il Cus Catania), la Nova Virtus torna a giocare sabato alle 18.30, sul parquet amico, la partita valida per la seconda giornata di ritorno contro lo Sporting Adrano, cenerentola della classifica.

Un match, dunque, estremamente agevole per i virtussini e che, al di là del clima prenatalizio, non dovrebbe nascondere insidie di sorta, visto l’abisso non solo in classifica, ma anche tecnico e fisico esistente tra il roster di Massimo Di Gregorio e quello di coach Morelli (ex giocatore del Basket Club). Incontro agevole anche per la capolista Aretusa che, dopo aver rischiato grosso a Santa Croce contro la Vigor, non dovrebbe avere difficoltà domenica ad incamerare i due punti interni al cospetto del Cus Catania, stoppato proprio dalla Nova Virtus, dopo cinque vittorie filate, nel citato recupero infrasettimanale di martedì scorso. Tra Aretusa e Nova Virtus sempre due i punti di distanza.

Nella partita contro Adrano mancherà nelle fila virtussine capitan Alessandro Sorrentino che, però, ha ripreso ad allenarsi e che dovrebbe tornare sul parquet dopo la pausa di fine anno, quando la Nova Virtus, il 5 gennaio, giocherà ancora al PalaPadua contro il Basket Paternò. Di sicuro, invece, contro Adrano la Nova Virtus dovrà pensare a far valere, sin dalla palla a due, la propria indiscussa superiorità, sì da consentire al tecnico Di Gregorio di dare il meritato spazio ai più giovani.