Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 636
RAGUSA - 13/12/2013
Sport - Basket, A1: le biancoverdi in formazione completa sul parquet delle campionesse d’Italia

Contro Schio esame di laurea per la Passalacqua

Sarà probabilmente un match deciso dalla prestazione delle seconde linee. Sereno ma fiducioso il presidente Gianstefano Passalacqua Foto Corrierediragusa.it

Per la Passalacqua è l´esame di laurea. Si gioca infatti sul parquet del PalaCampagnola vicentino di Schio il big match di A1 tra le attuali campioni d´Italia e la vera rivelazione della stagione. La Passalacqua si presenta con le migliori credenziali, forte di nove vittorie consecutive, con il morale alto, una squadra ben amalgamata, in salute e forte di atlete come Malashenko, Williams, Micovic e Walker che possono fare la differenza.

Dall´altra parte il quintetto di coach Manuel Mendez è di prim´ordine. Masciadri, Sottana e Reggiani rappresentano il top del basket italiano a livello femminile e le straniere non sono da meno. Sarà un match giocato a viso aperto e probabilmente deciso dalle seconde linee; da questo punto di vista la Passalacqua è ben attrezzata e non ha nulla da temere perchè il roster è di primo livello.

Sereno ma ottimista il presidente Gianstefano Passalacqua: "Noi teniamo sempre un profilo basso. A Schio giocheremo con grande tranquillità. Se c’è qualcuno che deve vincere sono loro. Cosa significa andare a giocare a Schio da capolista? Se pensi questo, la pressione ti arriva addosso, dunque meglio non pensarci e restare sempre sereni, così come tra l’altro siamo stati fino ad ora. Detto questo, è chiaro che sarà una partita dalla quale capiremo davvero chi siamo e quanto valiamo. La cosa più importante sarà quella di uscire dal campo avendo dato tutto. Poi vedremo come andrà a finire».