Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 877
RAGUSA - 31/10/2013
Sport - Calcio, serie D: il tecnico ha chiesto un centrale difensivo ed un paio di centrocampisti

Savarese chiude l´era Vito. Il Ragusa nelle mani di Sorrentino

L’ex portiere del Catania ha diretto l’allenamento in vista della trasferta di Torrecuso Foto Corrierediragusa.it

Il Ragusa riparte da Nicola Savarese e Roberto Sorrentino con la benedizione del sindaco Federico Piccitto. Il neo presidente, successore di Enzo Vito, si è presentato alla città con il nuovo allenatore ed il sindaco al suo fianco. E´ l´inizio di un percorso che chiude la travagliata storia più recente che ha portato alla crisi tecnica e societaria culminata nel passaggio della società dopo l´abbandono di tutti i dirigenti. Savarese ha riannodato le fila, ha pagato 20 mila euro a Vito, ha richiamato Francesco Sortino come direttore generale e nominato Mario Mirabella come segretario. Suo vice è Francesco Rabona ed il direttore sportivo è Paolo Campolo.

Roberto Sorrentino ritorna al Ragusa dopo la sua fugace apparizione di agosto quando dopo pochi giorni ringraziò e se ne andò. Ora è stato richiamato ed ha diretto il suo primo allenamento. L´ex portiere del Catania e del Torino, con esperienze in panchina di Lega Pro e serie D, ha esperienza da vendere, un sano realismo e non si nasconde le difficoltà dell´impresa.

"Dobbiamo salvare la categoria - ha detto - Questa è la priorità, non sarà facile ma chiedo a tutti di aiutarci. La piazza è importante ed abbiamo una tifoseria competente ed attenta. Per quanto riguarda la squadra ci sono reparti da completare, qualche giocatore, vedi gli argentini, vogliono andare via; è una situazione complicata. Inoltre dobbiamo coprire alcuni ruoli come il centrale di difesa, voglio un mastino". Nicola Savarese è pronto a fare la sua parte. "Non sono venuto qui per fare affari, ma perchè mi piace la società e la città. Mi interessa assicurare il futuro della società. Io non sono l´ombra di Enzo Vito ma ragiono e rischio con la mia testa. Quella parentesi è definitivamente chiusa"

(nella foto: da sin.Sorrentino, Savarese, Piccitto)