Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 620
RAGUSA - 30/10/2013
Sport - Calcio, serie D: ritorna Francesco Sortino come direttore generale e Paolo Campolo è il nuovo d.s.

Nicola Savarese si presenta e chiama Sorrentino sulla panchina del Ragusa

L’ex portiere del Catania e del Torino era stato già chiamato in estate come direttore dell’area tecnica. Oggi la conferenza stampa in un locale del centro per ufficializzare il passaggio della proprietà Foto Corrierediragusa.it

C´è una schiarita in casa Ragusa e forse il tempo volge al bello. Nicola Savarese (nella foto) si presenta oggi alla città come nuovo presidente della società. Savarese annunzierà che ha rilevato la quota dall´ex Enzo Vito e presenterà i suoi nuovi collaboratori. Appare significativa a questo punto la presenza annunciata del sindaco Federico Piccitto che ha seguito in questi giorni l´evoluzione della vicenda societaria alla luce delle traversie affrontate da tecnici e giocatori.

Francesco Sortino ritorna al Ragusa come direttore generale e Paolo Campolo, già al Bellaria, come direttore sportivo. Inoltre sarà annunciato la conclusione dell´accordo con lo sponsor principale della squadra che consentirà di sostenere gli impegni economici per il campionato in corso.

Come primno ato della sua presidenza Savarese ha dato il benservito a Rughetti, portato a Ragusa da Ennio Cerasi, ed affidato la squadra a Roberto Sorrentino. Rughetti ieri si è congedato dai giocatori ed oggi Sorrentino sarà presentato alla stampa. L´ex portiere del Catania e del Torino era stato chiamato come direttore dell´area tecnica già ad agosto da Enzo Vito ma aveva poi rinunciato all´incarico. Ora la chiamata da tecnico per l´ennesima rivoluzione in casa Ragusa dopo Germano, Bellotto e Rughetti.

Tra i tifosi la notizia dell´ufficializzazione del passaggio di proprietà della società si è subito diffusa ed è stata accolta con un certo sollievo; scottata dalle più recenti vicende, prima di cantare vittoria la tifoseria vuole vedere i fatti in termini di impegni economici, presenza, serietà e professionalità, che finora, per la verità, sono mancati.