Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 564
RAGUSA - 27/10/2013
Sport - Calcio, Promozione: hanno subito gol decisivi per il risultato nei minuti finali

Real Biscari sconfitto, S. Croce pari a Caltagirone

La Vaccara e Basile avevano messo la partita sul binario giusto per i camarinensi ma nel finale pareggio beffa dei calatini Foto Corrierediragusa.it

8a giornata di andata (27 ott.2013)
I risultati delle Iblee:
Real Biscari – Sporting Club Racalmuto 2 – 3
Usa Sport Caltagirone – Jobbing Santa Croce 2 -2
Ha riposato il Comiso


Sfortunata domenica per le formazioni iblee di Promozione. Real Biscari e Santa Crocehanno mancato l’en plein per aver subito nel finale delle rispettive gare dei gol evitabilissimi e giunti per grosse dosi di fortuna da parte degli avversari.

Il Real Biscari, dopo una partita dominata per quasi novanta minuti, ha dovuto issare bandiera bianca al 93’ in contropiede quando la squadra stava operando una pressione continua in area avversaria che poteva portare al gol del vantaggio. Invece è giunto il 3-2 del Racalmuto per gli esiti della più classica azione di rimessa. Dopo un primo tempo di marca biancoceleste con diverse occasioni da gol incredibilmente sciupate dagli avanti locali, al 10’ della ripresa il primo micidiale contropiede ospite che concretizzava il gol del vantaggio. Al 27’ Rizzo riusciva a pareggiare ma dopo tre minuti la formazione agrigentina si portava nuovamente in vantaggio. Forcing nel finale della formazione di Monachelli, rinfrancata e trasformata nel gioco e nella convinzione, che otteneva un rigore per atterramento in area di La Rosa. Rizzo trasformava il penalty mentre il direttore di gara concedeva quattro minuti di recupero nei quali l’undici acatese si gettava in avanti, spinto dal momento psicologico favorevole per il pareggio. Invece al 93’, come detto, la beffa finale. La sconfitta però non intacca le azioni al rialzo della formazione di Monachelli che ha dimostrato di essere dotata di un organico degno di migliore posizione di classifica.

Finale amaro anche per la Jobbing Santa Croce che in vantaggio per 2-1 fino a pochi minuti dalla fine subisce il pareggio per un fortunato gol di Nobile dai trenta metri, degno di calciatore da serie superiore. Nel primo tempo la Jobbing disputa una frazione incolore e senza mordente dove, sebbene le trame di gioco non sono mancate, gli undici in campo hanno dimostrato poco impegno e una forte dose di superficialità. Il portiere Gurrieri salvava miracolosamente la porta su tiro ravvicinato. Al 44’ però non poteva nulla su un colpo di testa ravvicinato dopo un tiro da calcio d’angolo. Nella ripresa la formazione allenata da Buoncompagni e La Vaccara (nella foto), scendeva in campo trasformata, con lo stesso La Vaccara che trascinava la squadra e realizzava al 15’ con un bel tiro da fuori area, mentre Basile al 30’ portava a due le reti biancazzurre con un tiro dal limite. Sembrava fatta per la formazione camarinense anche perché la compagine calatina rimaneva in inferiorità numerica per una espulsione. A pochi minuti dalla fine però lo sfortunato gol subito che ha impedito al Santa Croce di portare a casa tre preziosi punti.