Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 1071
RAGUSA - 29/10/2013
Sport - Basket, A1: domenica sfida al vertice con Carispezia ancora al PalaMinardi

La Passalacqua riaccende la voglia di basket a Ragusa

Un migliaio di spettatori, 200 abbonamenti venduti, tifosi da tutta la provincia sono indice di elevato gradimento Foto Corrierediragusa.it

"Benvenuti nel nido delle aquile" recitava uno striscione sugli spalti del PalaMinardi per salutare le atlete in biancoverde. Oltre al primo posto in classifica, la terza vittoria consecutiva ed il miglior quoziente punti è il calore del pubblico la nota positiva dell´esordio della Passalacqua. Un migliaio di persone sugli spalti, tanti giovani ed anche bambini, tifosi provenienti da tutta la provincia, e si sono visti anche signori e signore compassati travolti dall´entusiasmo per Williams e compagne.

Per molti sono ritornati i tempi della vecchia Virtus, quel mitico campionato di A2 che lanciò il graande basket in città e fece salire la febbre della pallacanestro. Al presidente Gianstefano Passalacqua (nella foto), alla dirigenza, al tecnico ed alle giocatrici va il merito di aver alimentato l´entusiasmo e riacceso il tifo in un momento in cui il Ragusa calcio vive momenti difficili ed è l´esatto contrario di quanto avviene in campo cestistico. "Questa vittoria è stata più importante di altre perchè era l´esordio casalingo di questa A1 che abbiamo conquistato con grande sacrifici. Ci sentiamo circondanti dall´entusiasmo dell´intero territorio e non vogliamo disperdere questo patrimonio".

Domenica il quintetto biancoverde è atteso dalla sfida contro Carispezia; le spezzine sono al vertice della classifica e si sono incrociate con le ragusane in questi ultimi campionati di A2.


E´ successo domenica:
Passalacqua Spedizioni Ragusa-Cus Cagliari: 71-64


PASSALACQUA RAGUSA: Micovic, Mazzone ne, Mauriello ne, Galbiati 13, Williams 13, Walker 10, Malashenko 19, Sorrentino ne, Richter, Saggese ne, Soli 7, Valerio 9. All. Nino Molino.

CUS CAGLIARI: Maiorano 3, Fassina 8, Carta 1, Radocaj 8, Rulli ne, Johnson 18, Dettori ne, Arioli 14, Brunetti 2, Hailey 10. All. Antonello Restivo.

ARBITRI: Renato Giovanrosa, Damiano Capoziello, Angela Rita Castiglione.
PARZIALI: 21-14, 38-31, 52-51.


E tre. La Passalacqua batte anche il Cus Cagliari e resta in testa alla classifica a punteggio pieno. Un quartetto è al comando della A1 ma la Passalacqua ha il migliore quoziente con 1,91 rispetto a Carispezia, Schio e Lucca. Contro il Cagliari è stato un match molto combattuto che si è risolto solo nella parte finale. Appena 7 i punti di distacco dalle ospiti ma la vittoria è stata meritata ed ha mandato in visibilio il numeroso pubblico presente.

Senza il capitano Paola Mauriello e il play Giulia Gatti, alle prese con qualche fastidio fisico, e con le straniere subito appesantite dai falli, coach Nino Molino è riuscito a far girare a pieni giri il motore della sua squadra trovando nuovi equilibri con Virginia Galbiati, Agnese Soli e Lia Rebecca Valerio grandi protagoniste. A spezzare l´equilibrio è stata, però, Olesya Malashenko che, pur con una situazione falli non semplice da gestire, ha mostrato un repertorio in grado di dare sicurezza alle compagne e di respingere tutti i tentativi del Cus Cagliari di rientrare in partita.

Un tentativo che era riuscito alle ragazze sarde nel terzo quarto, quando in pochi minuti Williams (cui è stato fischiato anche un tecnico), Walker e Malashenko hanno visto alzarsi la paletta del quarto fallo. Grazie a quattro punti consecutivi di Cinzia Arioli, il Cus Cagliari aveva agguantato Ragusa sul 47-47. A quel punto, però, con l´inerzia della partita che poteva ribaltarsi, le iblee sono state brave a giocare con intelligenza tutti i palloni, affidando a Malashenko e Galbiati le conclusioni con un maggiore carico di responsabilità e trovando giovamento anche nella zona comandata dalla panchina. Nell´ultimo quarto, il Cus Cagliari ritrova ancora la parità (52-52 con l´ottima Johnson), ma Ragusa accelera non dando più alle ospiti la possibilità di rientrare in partita.

Domenica ancora in casa per una sfida al vertice contro Carispezia.