Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 848
RAGUSA - 10/10/2013
Sport - Rugby, serie B: domenica seconda giornata di campionato con trasferta in Puglia

Padua Rugby ingaggia Andrea Ferrara. In campo contro Svicat

Campi Salentini è compagine ostica e lo scorso anno ha battuto i ragusani ai play off Foto Corrierediragusa.it

Archiviata la sconfitta di domenica scorsa con il forte Colleferro, il Padua prepara la difficile trasferta di Campi Salentina dove il XV di Alessandro Dipasquale se la vedrà con la locale Svicat. E´ la formazione che i ragusani hanno già incontrato la scorsa stagione nella finale play off e con la quale hanno perso in entrambe le occasioni. Domenica le due squadre saranno chiamate a far dimenticare le sconfitte della prima giornata. Per l’ampiezza del risultato (24-5) e per come la sconfitta è arrivata, sono soprattutto i salentini a dimostrare che il passo falso di Roma non è stato altro che un incidente di percorso. In casa Ragusa la trasferta pugliese è vissuta con serenità.

Dice coach Dipasquale: «Voglio fare i miei complimenti a tutti i ragazzi, non mi aspettavo di perdere «così bene». Mi brucia solo il fatto che, pur avendo giocato una buona partita, non siamo riusciti a conquistare il punto di bonus difensivo. Sono anche convinto che, se avessimo commesso meno falli, avremmo potuto vincere. I miei uomini sono coscienti della loro forza e delle loro qualità. Ce la possiamo fare, dobbiamo solo crederci». Intanto il tecnico avrà da domenica un altro giocatore a sua disposizione. Si tratta di
Andrea Ferrara, ex Amatori Catania che ha infatti scelto di vestire la maglia biancazzurra della squadra iblea, facendo felici sia l’allenatore ragusano che tutto l’ambiente rugbystico cittadino.

Dice coach Dipasquale: "Ringrazio la dirigenza per il regalo che mi ha fatto. Andrea è un giocatore che ha esperienza da vendere e ottime capacità fisiche e tecniche. Personalmente non lo conoscevo, ma in questi giorni l’ho visto in allenamento e mi è sembrato un ragazzo umile che è venuto a Ragusa per dare una mano, per mettersi al servizio della squadra".