Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 1158
RAGUSA - 15/09/2013
Sport - Calcio, Promozione: lo Scicli non si presenta, è la seconda rinuncia

Riscatto Comiso su Mussomeli. S. Croce va Ko al 94°

Nell’anticipo Real Biscari sconfitto di misura a Sciacca Foto Corrierediragusa.it

La 2a giornata: le partite delle iblee:
Sciacca – Real Biscari: 1 - 0
Canicattì – Jobbing Santa Croce: 3 - 2
Comiso – Mussomeli: 3 - 1
Scicli – Empedoclina: non disputata


Risultati in chiaroscuro per le formazioni iblee con il Comiso che ottiene la prima vittoria di campionato e con Santa Croce e Real Biscari che incappano, con motivazioni diverse, in sconfitte immeritate.

Il Comiso regola una formazione di qualità come il Mussomeli con un perentorio 3-1, trovando la quadratura dopo un inizio di campionato incerto. Verdearancio che partivano bene ad inizio gara e trovavano al 15’ il gol con Tumino da calcio d’angolo. Leone portava il risultato sul 2-0 prima della fine della prima frazione di gioco. Nella ripresa gli ospiti accorciavano le distanze al 25’ ma era ancora Leone a cinque minuti dalla fine a portare a tre le reti del Comiso. La formazione allenata da Lucenti ha dimostrato di aver ritrovato la giusta forma, sviluppando un gioco efficace soprattutto con il reparto di centrocampo che ha messo in serie difficoltà gli avversari.

Sfortunata ed imprevedibile partita del Santa Croce che al 90’ vinceva per 2-1 sul campo del fortissimo Canicattì. La solita combinazione fra squadra che mira a tutti i costi al salto di categoria, il Canicattì e arbitraggio scandaloso da parte del direttore di gara Lombardo di Palermo, ha invertito l’esito della gara che sembrava ormai volgersi positivamente per i biancazzurri di Bellio. Santa Croce che ha saputo anche sovrastare i quotati avversari andando per due volte in vantaggio, al 6’ del primo tempo con La Vaccara e all’8’ della ripresa con lo stesso bomber ex Ragusa, che ha realizzato su rigore dopo il momentaneo vantaggio dei locali.

Nel finale l’arbitro dava tre minuti di recupero ma al 92’ non fischiava due consecutivi falli su Bellavia ai danni di altrettanti difensori biancazzurri, permettendo alla punta locale di involarsi in rete. Ma non finiva li. Il direttore di gara concedeva infatti inspiegabilmente altri tre minuti di recupero durante i quali i locali trovavano in mischia la rete del successo. Santa Croce comunque ben organizzato che ha dimostrato di saper tenere testa a qualsiasi formazione, considerando che il Canicattì è una formazione di ottimo livello.

Sabato il Real Biscari ha perso immeritatamente di stretta misura in casa dello Sciacca per 1-0. Il gol dei locali giungeva da un tiro dai trenta metri calciato senza alcuna velleità sul quale il portiere Fatuzzo compiva la più classica delle «papere», scivolando maldestramente in fase di parata. Un solo tiro per tutta la partita, un gol dei locali. La formazione biancoceleste di Gulino aveva invece creato più occasioni da gol, almeno tre nel primo tempo e aveva pressato i locali nella loro metà campo per buona parte della gara. Adesso si spera nel recupero della migliore forma fisica per alcuni elementi che hanno iniziato in ritardo la preparazione e l’inserimento in squadra di Patti, acquistato in settimana.

Lo Scicli non si presenta alla partita casalinga contro l’Empedoclina, decretando quasi certamente la fine della quasi cinquantenaria società cremisi.