Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1327
RAGUSA - 14/09/2013
Sport - Calcio, Promozione: Real Biscari a Sciacca, in trasferta a Canicattì gli uomini di Bellio

Comiso con Raciti contro Mussomeli, giocherà lo Scicli?

I cremisi in calendario allo Scapellato contro l’Emepdoclina ma la seconda rinuncia è probabile Foto Corrierediragusa.it

La 2a di andata in Promozione: le partite delle iblee:

Sciacca- Real Biscari
Canicattì – J.Santa Croce
Comiso – Mussomeli
Scicli – Empedoclina


Nella seconda giornata di Promozione le formazioni iblee, ad eccezione del J. Santa Croce, sono chiamate ad un pronto riscatto dai deludenti esordi di campionato.

Il Real Biscari anticipa a Sciacca contro una delle formazioni agrigentine accreditate di disputare un campionato di vertice. La formazione di Gulino è reduce da una inopinata sconfitta in casa complice le molte assenze ma in questa seconda giornata dovrebbe recuperare gli infortunati e quelli assenti domenica scorsa la cui mancata disponibilità ha pesato parecchio nell’economia della prestazione biancoceleste. Rientreranno infatti il portiere titolare Mignacca e il secondo Fatuzzo, il centrocampista Rotondo e gli squalificati Marco Terranova e Daniele Rizzo. Alla truppa dei rientranti si aggiunge Giacomo Patti, ex Vittoria, con il quale la società acatese ha concluso in settimana. Insomma ci sono le premesse per un pronto riscatto dell’undici di Gulino.

E’ chiamato anche ad una reazione di carattere il Comiso che ospiterà in casa il forte Mussomeli, reduce da una vittoria netta fra le mura amiche contro l’Atletico Gela. La voglia di riscatto degli uomini di Lucenti è il motivo principale di questa sfida più che il rafforzamento della squadra. I verdearancio infatti perdono Guarino e Giallongo infortunati mentre sono in attesa di un rinforzo con un attaccante di ruolo. Nell’attesa la formazione comisana cercherà anche di sfruttare il fattore campo e il fondo in erba, visto che il fondo in terra battuta ha accentuato, nella sconfitta di Racalmuto, la prestazione negativa degli uomini di Lucenti.

Il J.Santa Croce, al contrario delle altre formazioni iblee, è partito con il piede giusto, assestando una secca vittoria per 3-1 in casa contro una matricola del torneo e facendo vedere che la formazione di Peppe Bellio è già avanti nella condizione fisica e nell’intesa fra i reparti. Manca ancora una dimensione tattica completa ma i biancazzurri sembrano sulla buona strada. La partita contro il forte Canicattì è comunque una prima cartina al tornasole di questo nuovo Santa Croce, che non avrà vita facile in terra agrigentina complice la quotazione dell’avversario e il fondo in terra battuta che non agevola le squadre tecniche e quelle abituate in un campo in erba naturale. Il J. Santa Croce sarà comunque al completo.

Si presenteranno i cremisi allo Scapellato contro l´Empedoclina? Le notizie che arrivano dall´ambiente sciclitano parlano di un gruppo che non c´è dove i dirigenti si sono dileguati per cui non ci sarà partita contro gli agrigentini e lo Scicli totalizzerà la seconda rinuncia consecutiva dopo quella di Caltagirone.