Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 1144
RAGUSA - 24/08/2013
Sport - Calcio: Antonio Germano ha lasciato con amarezza dopo appena un mese alla guida degli azzurri

Ragusa in confusione, Bellotto deve trovare la via maestra

Il nuovo tecnico sarà in sede lunedì ma servono rinforzi per allestire una squadra competitiva Foto Corrierediragusa.it

Gianfranco Bellotto (nella foto) prenderà lunedì le redini del Ragusa. Il neo tecnico azzurro non ha ancora sottoscritto il contratto ma l´intesa con il presidente Enzo Vito è sulla parola. Bellotto conosce poco o nulla la realtà del campionato di serie D meridionale e solo di nome i giocatori che dovrà allenare da lunedì in poi. La sua grande esperienza di giocatore ad alto livello e di tecnico in varie compagini dalla B alla serie D, ultima il Giorgione, dovrà servirgli per capire meglio e per trovare la quadratura. La scelta di Enzo Vito potrebbe rivelarsi un salto nel buio perchè il girone I con squadre campane e calabresi e le stesse siciliane è particolarmente ostico e la conoscenza di campi, uomini ed ambiente è fondamentale. Il tecnico inoltre si ritrova con una rosa largamente incompleta perchè necessita almeno di tre elementi di valore in difesa, a centrocampo ed in attacco.

Il brasiliano Eliel è ormai un miraggio e bisogna trovare un degno sostituto, per il difensore si parla con insistenza del francese Nicolas Desenclos, ma non c´è niente di certo. Il campionato intanto è alle porte o quasi. Mancano due settimane e Bellotto avrà un gran lavoro da fare prima di affrontare due squadre che si preannunciano molto competitive come la Battipagliese all´esordio del 1 settembre in casa, e l´Akragas dell´ex Pino Rigoli, che ha bastonato gli azzurri in casa in Coppa, all´Esseneto. Per il momento il Ragusa ha programmato due amichevoli; alla prima con il Marina di Ragusa, domenica all´Aldo Campo, non potrà assistere neppure il nuovo tecnico e mercoledì invece la squadra affronterà contro il New Team. Poi si farà sul serio e tutti i nodi verranno al pettine, come sempre.

Antonio Germano, intanto, ha rifatto le valigie dopo appena un mese di permanenza in città. "Non me l´aspettavo - dice il tecnico calabrese - Il presidente ha deciso dopo la sconfitta con l´Akragas e mi ha comunicato dell´esonero mercoledì. Abbiamo perso perchè non avevo tutti gli elementi a disposizione. Ho fatto sempre il mio dovere ed in me c´è molto amarezza per come è andata".

Il licenziamento di Antonio Germano
Il Ragusa cambia. Non è ancora iniziato il campionato ed il presidente Enzo Vito ha già dato il benservito ad Antonio Germano. Al suo posto in panchina andrà Gianfranco Bellotto , con una lunga carriera di centrocampista in campionati di serie A e B. Germano è durato lo spazio di tre settimane e la sconfitta interna contro l´Akragas ha accelerato lo scioglimento del rapporto con la società azzurra. Enzo Vito l´aveva detto a chiare lettere di non essere soddisfatto del gioco e della impostazione della squadra facendo capire che Germano aveva le ore contate. La decisione dell´avvicendamento del tecnico è stata presa già 48 ore dopo la sconfitta interna di Coppa Italia. Bellotto sarà in sede a fine settimana ed in questi giorni la squadra si allenerà agli ordini del preparatore atletico Giuseppe Stracquadaneo e dell´allenatore delle giovanili Emanuele Massari.

Gianfranco Bellotto, 126 presenze in serie A ed 11 reti, ha cominciato la sua carriera di allenatore nel Pisa come secondo poi ha guidato le giovanili della Mestre e in Interregionale è stato l’allenatore del Giorgione. In Serie C2 ha guidato la Pistoiese e in Serie C1 il Mantova. La sua prima in Serie B da tecnico l’ha trovata ad Andria con la Fidelis Andria, quindi due anni a Venezia e tre a Treviso. Ha guidato inoltre in Serie B anche il Cagliari la Sampdoria e la Salernitana. L´unica sua esperienza finora in Serie A da allenatore è stata nella stagione 2003-2004, quando subentra ad Alberto Malesani alla guida del Modena, non riuscendo ad evitare la retrocessione degli emiliani. Nel gennaio 2007 subentra a Raffaele Novelli alla guida della Salernitana e nel 2008 assume a campionato in corso la guida del Novara, formazione di Serie C1 con cui conclude la stagione a centro classifica.