Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 959
RAGUSA - 10/06/2013
Sport - Basket, A1: la società intanto cerca due americane ed una ucraina per il nuovo quintetto

Coach Nino Molino resta alla guida della Passalacqua fino al 2015

Prolungato il contratto con il tecnico della promozione in A1 Foto Corrierediragusa.it

Nino Molino (nella foto) prolunga. Il tecnico della storia promozione in A1 ha infatti prolungato il contratto alla società biancoverde fino al 30 giugno del 2015.

L’accordo è stato raggiunto con il presidente Gianstefano Passalacqua sulla base di comuni programmi e prospettive e sulla scia della straordinaria cavalcata nel recente campionato di A2. «Abbiamo pensato – ha spiegato il presidente Gianstefano Passalacqua – al presente ma anche all’immediato futuro. Da neopromossa abbiamo tanto da imparare e consideriamo questa prima stagione di A1 come il tempo e lo spazio per un necessario svezzamento. Al termine della prossima stagione, tireremo le somme. Se saremo nelle condizioni di compiere un ulteriore salto di qualità, non ci tireremo indietro, in caso contrario ne prenderemo atto. Molto dipenderà dall’apporto che saprà darci la città. Con le sole nostre forze, abbiamo già raggiunto il massimo possibile, ma se la città ci aiuta, ci segue e ci sostiene potremo anche pensare a grandi traguardi. Coach Nino Molino ha accettato questo progetto rimettendosi subito e con entusiasmo al lavoro».

Il tecnico, impegnato in questi giorni con la Nazionale under 20, appare già carico in vista della prossima stagione. «Ho accettato di prolungare il contratto con Ragusa – spiega – perché ho trovato l’ambiente giusto per lavorare con serenità. Ragusa è una piazza nuova ma ha già dimostrato grande affetto verso questa società. Con il presidente si è creato un grande feeling. Io mi fido degli impegni assunti dalla società e la società ha fiducia nel mio operato. Credo che ci siano le condizioni per ben operare. La Passalacqua è una società importante e insieme si potrà programmare con calma e serenità il futuro. Il primo anno ci servirà per confrontarci con le altre realtà e verificare a che punto siamo nel nostro progetto. Sarebbe presuntuoso pensare ad altro e noi vogliamo accostarci alla serie A1 con grande umiltà».


Il rafforzamento del quintetto
Niente nomi ancora, ma la Passalacqua ha cominciato a muoversi per mettere su una squadra degna del campionato di A1.Al momento c’è la conferma di Milica Micovic che resterà ancora un anno in biancoverde così come dell’ala Galbiati, dell’ala Mauriello, del play Soli e della locale Mazzine mentre con la Valerio c’è una discussione ancora in corso. I nuovi innesti saranno almeno quattro, di cui tre straniere. Di queste due saranno americane ed una ucraina. Per i ruoli il tecnico Nino Molino pensa ad una guardia e due atlete capaci di farsi valere a canestro. Le americane dovrebbero arrivare dai campionati dei college ma non ci sono alcune certezze. Le americane, pur se tecnicamente valide, non hanno esperienza nei campionati europei ed è quindi difficile fare le scelte giuste. Proprio per questo Molino vuole andarci cauto. Per quanto riguarda invece la guardia da affiancare ad Agnese Soli circola il nome di Giulia Gatti, quest’anno al Taranto, classe ’89, e di Francesca Dotto, classe ’93, in forza al Lucca. Nino Molino deve stare attento comunque al budget assegnato per allestire un quintetto in grado di raggiungere un tranquilla salvezza.

La festa del PalaMinardi
Festa per i giovani della Passalacqua (nella foto) a conclusione dell’annata sportiva. Al PalaMinardi si sono riuniti tutti i gruppi del minibasket, le ragazze dell’under 13 e dell’under 15 insieme ai loro istruttori Svetlana Kouznetsova, Yvan Baglieri, Fabio Boncoraglio, il responsabile del settore giovanile Gianni Recupido ed il direttore tecnico Emanuele Marino. La società continuerà a investire ancora sul settore giovanile nonostante gli impegni che un campionato come la serie A1 richiede. Lo farà perché ci crede il presidente Gianstefano Passalacqua che vede nella pallacanestro e nello sport lo strumento per veicolare tra i ragazzi valori importanti, ma anche perché si vuole creare una nuova generazione di appassionati di pallacanestro che possano seguire la squadra con le competenze di chi a basket ha giocato e gioca e perché ci sono talenti da accompagnare verso il traguardo dell’agonismo. Per capire quanto sia importante questo lavoro, basta ricordare l’entusiasmo che le nuove leve del basket ragusano esprimono ogni domenica con la festosa invasione di campo che saluta le beniamine al suono della sirena.

Il responsabile del settore giovanile, Gianni Recupido, è orgoglioso del lavoro portato avanti insieme allo staff che lo affianca. «La felicità delle ragazze e la soddisfazione dei genitori costituiscono il miglior complimento al lavoro che abbiamo svolto. Abbiamo iniziato quasi da zero, riuscendo in appena un anno a raggiungere risultati importanti. Ora abbiamo quasi duecento tesserate e una struttura organizzativa che ci rende fiduciosi per il futuro. C’è ancora un gap con chi ha iniziato prima di noi e sappiamo che dovremo ancora lavorare in questa direzione. Sappiamo anche, però, che ci sono tutte le condizioni per continuare a crescere. Devo ringraziare la società, che ci ha messo nelle condizioni di poter svolgere bene il nostro compito, e tutti i collaboratori dello staff con i quali si è venuto a creare un rapporto di reciproca stima e fiducia».