Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1177
RAGUSA - 03/06/2013
Sport - Calcio, serie D: saldati gli ultimi stipendi ai giocatori. Il presidente lascia una società sana

Rimmaudo se ne va. Entro la settimana il Ragusa in nuove mani

Si lavora ai dettagli dell’operazione dopo sei anni di presidenza che ha portato la squadra dalla 1a categoria alla serie D Foto Corrierediragusa.it

Giuseppe Rimmaudo (nella foto) paga gli stipendi e lascia il Ragusa. Il presidente è in dirittura finale per la cessione della società ad un gruppo di imprenditori intenzionato a rilevare il Ragusa. Top secret i nomi ma si sa che è gente che opera nel mondo del calcio a livello giovanile con un buon retroterra economico. La trattativa per il momento è condotta da un emissario del gruppo ma entro la settimana, assicura Rimmaudo, la trattativa sarà conclusa. Dice il presidente: «Lascio una squadra senza pendenze ed io non chiedo niente. Sono comunque sereno perché si tratta di gente competente, che sa quello che vuole,. Sono sicuro che faranno bene».

Dopo sei anni di presidenza Giuseppe Rimmaudo è ormai convinto a fare il passo nonostante nel Ragusa abbia investito parecchio ed abbia anche conseguito risultati importanti portando la squadra dalla Ia Categoria alla serie D che ha salvato con i denti solo grazie alla vittoria sul campo del Palazzolo. La società è sana e tutto questo va merito di Rimmaudo che come ultimo atto della stagione ha incontrato dirigenti e giocatori in un ristorante di punta Secca ed ha festeggiato la serie D. Una cena quasi di addio che è servita anche a chiudere le ultime pendenze con i giocatori che sono stati pagati. Il Ragusa continuerà la sua avventura con un altro gruppo che ha già le idee chiare. La squadra sarà giovane, formata da elementi in gran parte locali e del comprensorio per abbattere i costi e valorizzare il lavoro di tecnici come Emanuele Massari.