Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1073
RAGUSA - 28/05/2013
Sport - Calcio, serie D: il presidente Rimmaudo si è preso qualche giorno per decidere sul futuro

Bonarrigo: "Sempre col Ragusa. Solo giovani per il futuro"

Il 14mo gol in stagione del fantasista ha regalato la vittoria e la serie D al Ragusa nei play out con il Palazzolo Foto Corrierediragusa.it

Il capitano l’aveva promesso. L’eroe di Palazzolo è stato proprio lui, Carmelo Bonarrigo (nella foto), che ha affondato la sua ex squadra con il suo 14mo gol. Una rete frutto di intuito, velocità, tecnica e rapina. »E’ stata una vittoria meritata – dice Bonarrigo a 48 ore dal successo di Palazzolo – Ci abbiamo messo cattiveria e determinazione e siamo riusciti a cogliere il risultato che ci serviva. E’ stata un’impresa ma abbiamo lavorato tanto. Ora guardiamo al futuro e spero che il presidente ci pensi. Quest’annata ci ha insegnato che ci vuole gente competitiva per affrontare il campionato. Io penso che ci vuole gente del posto, soprattutto giovani che hanno voglia di battersi. Ce n’è tanti in giro basti andare a scovarli. Chi è andato in campo ha dimostrato attaccamento alla maglia e rispetto massimo per i tifosi».

Il capitano parla anche del suo futuro. «Voglio chiudere la mia carriera in azzurro – dice Bonarrigo – L’ho detto prima dei play out, a prescindere dal risultato al presidente. Certo no dipende solo da me ma penso che possiamo trovare un’intesa. Io sono a disposizione della società».

Il dopo Palazzolo
Rientro in sede tra canti e festeggiamenti per i giocatori del Ragusa che sul campo di Palazzolo hanno superato la prova più difficile dell’anno. Il 14mo gol di Carmelo Bonarrigo, grande ex della partita insieme a Ferla ed Arena, altri protagonisti della gara, è valsa la permanenza in serie D.

«Sono ragazzi meravigliosi – ha detto Emanuele Massari, ragusano doc, una vita per il Ragusa,- Hanno lavorato in queste due settimane con grande professionalità, concentratissimi. Neanche il pari interno li ha demotivati e sono andati in campo convinti di farcela. Tutti bravissimi, non solo Bonarrigo. Anche Iozzia che ha giocato poco. Con Buscema hanno creato una cerniera a centrocampo. Grazie a Scoppetta che ha sofferto il finale di gara visto che non giocava da un mese. Impallari si è dato da fare in avanti e Spampinato ed Arena hanno dato fastidio sulle fasce con le loro incursioni. Grazie a tutti ed ora godiamoci le vacanze».

Commosso anche il presidente Rimmaudo: «Ora possiamo pensare a programmare il futuro – dice – Un ringraziamento a tutti, tifosi compresi». I cento che hanno seguito la squadra hanno vissuto con trepidazione tutta la gara e soprattutto i minuti finali prima di festeggiare con i loro beniamini. In tribuna ha gioito anche Pino Rigoli che non ha voluto mancare all’appuntamento decisivo anche perché ha sentito la serie D un po’ sua.

La partita:
Palazzolo – Ragusa: 0 – 1
Marcatore: 30’ pt Bonarrigo

Palazzolo: Scordino, Chiarello, Alderuccio, Perricone, Liga, Ike, Martines, Aperi, Mastria, Mazzeo, Gennarini (5’st Lo Pizzo). All. Pitadella

Ragusa: Ferla, Piluso, Fontana, Scoppetta, Milazzo, Spampinato, Buscema, Iozzia, Arena (33’st Alma), Bonarrigo, Impallari. All. Massari

Arbitro: Balice di Termoli
Note: al 38’st espulso Impallari


Il Ragusa è salvo. Il suo capitano e grande ex della partita regala agli azzurri la permanenza in serie D condannando il Palazzolo all’Eccellenza. E’ stata una partita dai toni quasi drammatici per la posta in palio ed il Ragusa si è dimostrato all’altezza della situazione. Ha prima controllato la sfuriata dei gialloverdi, privi di Miraglia, Sarli e Calabrese, poi hanno colpito a freddo al 30’ con un´incursione in area del capitano e cannoniere della squadra, che si allunga in scivolata al centro dell´area anticipando Alderuccio e trovando l´angolo dove Scordino non può arrivare. Il secondo tempo è stato un assalto del Palazzolo come si poteva immaginare.

I locali sfiorano il gol in un paio di occasioni ma il «palazzolese» Ferla risponde alla grande e salva la porta del Ragusa. Gli azzurri si vedono negati un rigore per un fallo in area su Impallari che a quasi 10’ dalla fine viene anche espulso lasciando la squadra in inferiorità numerica nel momento cruciale della gara quando saltano tutti gli schemi ed equilibri in campo. Palazzolo tutto in area ragusana ed Alderuccio sfiora il gol. La diga azzurra resiste ed il fischio dell’arbitro dopo 6’ di recupero regala agli azzurri una salvezza meritata e sudata fino all’ultimo. Il Palazzolo ritorna in Eccellenza dopo due anni ed i tifosi del Ragusa al seguito festeggiano in campo insieme ai loro beniamini.