Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 1018
RAGUSA - 27/04/2013
Sport - Calcio, serie D: la gara si gioca a porte chiuse per la squalifica dell’Aldo Campo

Ragusa rimaneggiato, servono punti contro la capolista

Mancano Piluso e Scoppetta, entrambi squalificati. In dubbio Fabio Arena ed Impallari

Ragusa non al meglio contro la capolista Messina. Gli azzurri dovranno fare a meno dei difensori Piluso e Scopetta, squalificati. Non sono al top neanche Arena ed Impallari che comunque dovrebbero andare in panchina. Intanto respinto il ricorso del Sambiase per la gara disputata sul campo calabro e finito sullo 0-0.

Il ricorso motivato dalla presenza in campo di Buscema, che secondo laa società calabra non aveva titolo per giocare, è stato rigettato ed il risultato resta quello acquisito sul campo. Un pensiero in meno per la società azzurra che dovrà vedere di cavare il massimo dallo scontro con la capolista. La formazione per Anastasi, ancora in tribuna, è obbligata o quasi. Ferla tra i pali con Alma, Gona, Milazzo e Fontana nel pacchetto difensivo; a centrocampo Foderaro, Buscema con Daniele Arena e Dalì sulle corsie esterne. Panatteri e Bonarrigo in avanti.

Confermata la squalifica del campo
Ragusa-Messina si gioca a porte chiuse. Il giudice sportivo di secondo grado ha respinto il ricorso della società volto ad ottenere la revoca ella squalifica di un turno dell’Aldo Campo a seguito del convulso finale della gara contro la Pro Cavese. Saranno ammessi in tribuna solo 15 persone per squadra e la stampa, quindi si giocherà nell’assoluto silenzio la partita più attesa dell’anno contro la capolista Messina. I giallorossi ritornano per una partita di campionato a Ragusa dopo 15 anni, l’ultima gara infatti si giocò nella stagione 1997-98 e per la cronaca di concluse sullo 0-0. I peloritani di Catalano potrebbero festeggiare proprio a Ragusa la promozione in Lega Pro ma tutto ciò avverrà lontano dai propri tifosi.

Per la società azzurra è un danno economico non indifferente che si va a sommare a quello tecnico visto che il Ragusa non potrà contare sull’apporto dei tifosi in una gara in cui deve fare almeno un punto per conquistare la migliore posizione nei play out e non farsi scavalcare ancora. Il giudice sportivo ha dimezzato la squalifica al tecnico Peppe Anastasi che potrà così tornare in panchina a Cosenza per l’ultima di campionato ma ha confermato le tre giornate al difensore Scoppetta che ritornerà in campo solo nella gara di ritorno dei play out. Una serie di decisioni che non ha contribuito a risollevare il morale della squadra che si trova sotto pressione e si rende conto di avere sciupato negli ultimi tre mesi di campionato la grande possibilità di restare fuori dalla lotta per la retrocessione.