Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 993
RAGUSA - 19/04/2013
Sport - Calcio, serie D: senza tecnico in panchina, Scoppetta squalificato. Rientra Iozzia

Ragusa a Licata per la sfida salvezza. Bisogna far punti

Trasferta delicata dopo una settimana difficile per gli azzurri e la mazzata del Giudice sportivo. La società ha intanto presentato ricorso Foto Corrierediragusa.it

Il Ragusa ci prova. Tenterà di uscire imbattuto dal «Dino Liotta» di Licata per conservare intatte le possibilità di evitare i play out. E’ una missione quasi impossibile ormai a quattro turni dalla fine del campionato ma ci sono i margini soprattutto se gli azzurri dovessero uscire dal rettangolo di gioco con i tre punti in tasca. Le ultime prestazioni del Ragusa, compresa quella con la Pro Cavese, non autorizzerebbero a stilare tabelle del genere ma il calcio riserva sorprese soprattutto per chi crede nelle proprie possibilità.

E’ certo, tuttavia, che i giocatori vogliono riscattarsi dopo le contestazioni subite domenica ed in settimana e rasserenare un clima teso attorno alla società ed alla squadra. Il Ragusa ha dilapidato tante occasioni negli ultimi tre mesi per tirarsi fuori dai guai ed invece si ritrova a lottare per la retrocessione. La situazione è difficile perché in panchina non c’è il tecnico Anastasi ed in campo mancherà l’uomo di maggiore esperienza in difesa.

Al posto di Scoppetta, che dovrà scontare 4 giornate, giocherà Fontana in coppia con Gona mentre sugli esterni ci saranno Piluso ed Alma. Una difesa giovanissima in un campo caldo come quello di Licata ed un attacco che conta su due «marpioni» come Riccobono e Pasca. Nel Ragusa rientra Iozzia dopo avere scontato due turni di squalifica ed il centrocampo potrebbe essere formato da Buscema, Iozzia, Foderaro e Fabio Arena. In avanti Panatteri e Bonarrigo.