Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 442
RAGUSA - 16/04/2013
Sport - Basket: le atlete sono ritornate in sede e si alleneranno fino a maggio

La Passalacqua pensa al futuro. "In A1 non deluderemo"

Confermato coach Nino Molino alla guida del quintetto biancoverde
Foto CorrierediRagusa.it

La Passalacqua ritorna al lavoro dopo la sbornia della promozione in A1 e la finalissima di Coppa Italia. Le atlete si alleneranno fino a metà del prossimo mese agli ordini di coach Nino Molino. La società ha fissato già una cena sociale con dirigenti, atlete e famiglie per mercoledì 24 in un locale della città. Sarà l’occasione per ringraziare ufficialmente le protagoniste di una stagione che resterà negli annali del basket ragusano e di tutta la provincia. Intanto si comincia a parlare della prossima stagione che vedrà la Passalacqua ai nastri di partenza della A1 insieme all’altra siciliana, Basket Priolo. Ragusa riparte da coach Nino Molino che resterà alla guida del quintetto biancoverde per continuare un progetto appena iniziato.

Il presidente GianStefano Passalacqua (nella foto) ha le idee chiare sul futuro: «La A1 sarà un’altra storia ma noi non vogliamo sfigurare e fare fino in fondo la nostra parte. Allestiremo pertanto una squadra capace di battersi con autentiche corazzate. Sappiamo che non potremo ripetere la stagione appena conclusa ma cercheremo in tutti i modi di fare del nostro meglio anche per non disperdere il patrimonio di entusiasmo del nostro pubblico che sempre più numeroso ci segue».

Il presidente ha un accordo sulla parola con Nino Molino e con il tecnico stilerà un programma. Tutto da verificare chi e quante delle atlete di questa stagione resteranno in biancoverde anche perchè ancora i tempi sono prematuri. La società vuole dare inoltre maggiore impulso al settore giovanile per irrobustire il serbatoio naturale della prima squadra.