Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 1218
RAGUSA - 18/03/2013
Sport - La 12ma giornata di promozione

Una vittoria, un pareggio e una sconfitta per le iblee

Giornata in agrodolce per le squadre ragusane

PROMOZIONE. 12ma RITORNO. Le partite
Aci S.Filippo – Santa Croce 1 – 0 ( giocata sabato)
Real Niscemi – Real Ragusa 0 – 2 (giocata sabato)
Scicli – S.Angelo Licata 1 – 1

Una vittoria, un pareggio e una sconfitta per le formazioni iblee impegnate in Promozione. Il Real Ragusa ha superato, non senza fatica, la già retrocessa Real Niscemi con un sudato 2-0, giunto solo nei minuti finali. Partita scialba a causa della mancanza di fervore agonistico delle due squadre, i locali perché già retrocessi e la formazione acatese anch’essa già sicura della salvezza e quindi senza gli stimoli giusti. La compagine biancoceleste ha dovuto aspettare il 90’ per sbloccare il risultato con Rizzo e dopo due minuti raddoppiare con Pecorari.

Il Santa Croce esce sconfitto in casa dell’Aci San Filippo, sebbene non abbia meritato l’insuccesso. I padroni di casa hanno fatto valere il fattore campo e la voglia di vittoria per assicurarsi la certezza matematica della salvezza mentre i biancazzurri, in formazione rimaneggiata, hanno comunque disputato una volenterosa partita. Il gol al 12’ del secondo tempo del locale Papa ha tagliato le gambe alla formazione allenata da Lucenti che adesso deve aspettare il prossimo 7 aprile, nella partita interna contro la già retrocessa Aquila Caltagirone, per assicurarsi la matematica certezza della permanenza in Promozione.

Lo Scicli invece con il pareggio interno per 1-1 contro il S.Angelo Licata si è assicurato la conferma della permanenza in Promozione, ha impedito agli ospiti di incamerare tre preziosi punti e, nello stesso tempo, fatto un favore ai cugini del Santa Croce, impedendo alla formazione licatese di superare in classifica i biancazzurri ragusani. Il S.Angelo Licata era passato in vantaggio al 15’ del primo tempo su calcio di rigore ma la formazione cremisi pareggiava al 30’ della ripresa con il solito Occhipinti.