Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 1057
RAGUSA - 01/03/2013
Sport - Calcio, serie D: rientra Ferla tra i pali, Cozzolino va in panchina al posto di Anastasi

Ragusa obbligato a vincere contro il Comprensorio Montalto

Serve l’aiuto dei tifosi in queste ultime dieci giornate di campionato Foto Corrierediragusa.it

Il Ragusa non ha alternative; deve vincere o sarà crisi. Contro il Comprensorio Montalto la pressione è tutta sulla squadra che manca ormai da mesi l’appuntamento con la vittoria e si ritrova impelagata nella zona play-out. Il Comprensorio Montalto non è l’avversario più morbido ma il Ragusa ha dimostrato che ha tutti i mezzi per tirarsi fuori dalla crisi, almeno di punti, in cui è piombato.

Peppe Anastasi ha lavorato più sulla testa che sulle gambe dei giocatori nel corso della settimana ed ha chiesto a tutti i giocatori di tirare fuori gli attributi. Mancano dieci giornate alla fine del campionato e cci sono sette scontri diretti che potranno segnare il corso della stagione degli azzurri. Capitan Bonarrigo (nella foto) ha ribadito ancora una volta sostegno, vicinanza e condivisione del progetto del duo Anastasi-Cassarà ma è arrivato ora il momento di fare seguire alle parole i fatti. A Messina tante recriminazioni e nessun punto, con il Comprensorio Montalto bisogna invertire la rotta. Anastasi pensa ad un Ragusa a trazione anteriore con il tridente Arena-Panatteri-Impallari. Lo ha provato nel corso della partitella infrasettimanale e sembra intenzionato a riproporlo per aumentare le possibilità realizzative.

In porta rientra Ferla, dopo il turno di squalifica, ed in panchina andrà l’allenatore dei portieri Cozzolino per la doppia squalifica di Anastasi, alla seconda delle sue tre giornate, e Stracquadaneo, alla prima delle sue giornate di stop. Il pubblico dovrebbe essere l’arma in più del Ragusa e si attende numeroso sugli spalti dell’Aldo campo. Ora più che mai serve essere compatti e rinviare a fine campionato rimbrotti, recriminazioni e contestazioni.