Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:02 - Lettori online 1077
RAGUSA - 26/02/2013
Sport - Calcio, serie D: contro il Città di Messina ennesima sconfitta dopo una buona prova

Ragusa in caduta libera. Negli ultimi 3 mesi andamento da retrocessione

Il presidente Rimmaudo intenzionato a rinnovare la fiducia al duo Anastasi-Cassarà. Domenica c’è il Comprensorio Montalto, chi guiderà la squadra dalla panchina? Entrambi i tecnici sono squalificati! Foto Corrierediragusa.it

Dieci turni alla fine ed il Ragusa si ritrova con l’incubo play-out. C’è amarezza nel clan azzurro dopo la prova di Messina. Una delle tante gare, forse troppe, che negli ultimi tre mesi sono state ben giocate ma sono finite male. Franco Cassarà snocciola il rosario dei rigori non dati e di quelli subiti ed il bilancio è in rosso per il Ragusa ma i numeri, ahimè, parlano chiaro ed hanno visto sprofondare il Ragusa dalla zona tranquilla della classifica al sestultimo posto con un gran affollamento di squadre, ben cinque. A Messina è arrivata ancora un’espulsione, quella dell’allenatore in seconda Stracquadaneo che si somma a quella di Anastasi (nella foto) che ne avrà ancora per due giornate ( a proposito, domenica chi guiderà la squadra dalla panchina?).

Troppi nervosismi in campo e fuori che il Ragusa rischia di pagare salato. Perché ha già dovuto cambiare due centrali difensivi, Raimondi e Piccirillo, proprio perchè troppo «cattivi» in campo, ma gli allenatori non hanno fatto di meglio a cominciare da Anastasi al terzo stop in campionato. Ed allora? Il presidente Giuseppe Rimmaudo si è chiuso nel silenzio e riflette ma è intenzionato a rinnovare la fiducia al duo Anastasi-Cassarà. Troppo delicata questa fase finale della stagione per tentare salti nel buio.

I «senatori» della squadra, tra l’altro, hanno ribadito la loro piena fiducia nel tecnico e la prestazione contro il Città di Messina ne è stata la prova anche se in fatto di punti è stato un flop. Domenica all’Aldo Campo c’è il Comprensorio Montalto e poi comincia un trittico di gare che vedrà gli azzurri contro dirette concorrenti, Paternò e Vibonese fuori, Palazzolo in casa.

E´ successo domenica:
Città di Messina - Ragusa: 1 - 0
Marcatore: Tiscione al 10´st

Falco, Piluso, Fontana, Scoppetta Gona (34’st Panatteri), Foderaro (27’ st Spampinato), Crucitti, Nassi, D. Arena, Bonarrigo, Dalì (11’ st Impallari)

Arbitro: Campione di Pescara


Al Ragusa non ne va bene una. Il Città di Messina vince di misura e ringrazia. Innanzitutto per un rinvio approssimativo di Falco che favorisce il gol di Tiscione (nella foto), che alla fine risulterà decisivo. E poi l’arbitro che non vede un atterramento di Impallari che in area viene messo giù dal portiere Di Salvia al momento del tiro. A 7’ dalla fine ancora Nassi sfiora il palo a portiere battuto e per il Ragusa è la fine perché non riesce a mettere la pala dentro.

Anastasi, in tribuna perché squalificato, opta per Dalì e lascia in panchina Panatteri. A centrocampo Crucitti e Nassi con Foderaro ed Arena larghi sulle fasce. Il Ragusa si difende bene nel primo tempo e lascia ben poco al Città di Messina. Anzi sono gli azzurri con Bonarrigo ed Arena a sfiorare la rete con botte da fuori. Al 17’ Ragusa vicinissimo al gol con Dalì servito da una pennellata di Bonarrigo ma il giovane attaccante non riesce a colpire a due passi dal portiere. Giallorossi pericolosi al 34’ quando Citro salta Gona e mette in mezzo per Tiscione, appoggio a Saraniti che tira a botta sicura. Foderaro si sostituisce a Ferla e salva la porta.

Nel secondo tempo locali subito in gol. Al 10’ Ferla sbaglia il rinvio dal fondo e la palla finisce a Tiscione che si invola e beffa l’estremo azzurro. Ora per il Ragusa si fa dura. Al 22’ ed al 30’ azioni pericolose in area azzurra ma Falco ci mette una pezza. Poi il ritorno del Ragusa ma non serve.

I risultati della 7ma giornata di ritorno (24 feb. 2013):
Paternò Messina: 0-0
Agropoli Acireale: 2-1
Palazzolo Licata: 0-0
Ribera Nissa: 0-0
Città Messina Ragusa: 1-0
C.Montalto Cosenza: 0-1
Gelbison Sambiase: 1-0
Noto Savoia: 1-0

La classifica:
Messina 55
Cosenza 53
Gelbison 42
Savoia 40
Città Messina 38
C Montalto 34
Licata 34
Ribera 33
Vibonese 33
Agropoli 33
Paternò 31
Pro Cavese 30
Ragusa 30
Sambiase 29
Palazzolo 27
Noto 23
Acireale 15
Nissa 8


se volete domenica vado io in panchina
26/02/2013 | 20.17.48
salvatore

se volete ci vado io in panchina visto che c´è un vuoto nel dirigere la squadra.si potrebbe autogestire se nò.finiamola di nasconderci dietro il dito dei rigori quando una squadra come il ragusa si trova giu´ è colpa solo di chi dirige.A tal fatto proporrei due nomi:Nicola Dolce o Saro Foti.A voi la scelta.