Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:29 - Lettori online 765
RAGUSA - 20/02/2013
Sport - Calcio, serie D: tecnico e direttore sportivo confermati da Giuseppe Rimmaudo

Anastasi resta. Presidente e giocatori lo sostengono

Il tecnico aveva offerto le dimissioni subito dopo la gara contro il Ribera. Ora sotto con il Città di Messina Foto Corrierediragusa.it

Il Ragusa va avanti con Peppe Anastasi (nella foto) e Franco Cassarà. Allenatore e direttore sportivo hanno avuto confermata la fiducia da parte del presidente Giuseppe Rimmaudo. Anastasi aveva offerto le sue dimissioni subito dopo la gara contro il Ribera, seguito a ruota, «per solidarietà», da Cassarà, ma il presidente non ne ha voluto sentire. Hanno giocato un ruolo importante i giocatori perché hanno confermato di trovarsi bene con il tecnico e si si sono assunti, invece, le loro responsabilità per il momento no della squadra.

«Siamo tutti con Anastasi –dice capitan Carmelo Bonarrigo– Chi afferma il contrario dice una bugia. Chiediamo scusa ai tifosi per le ultime prestazioni ma promettiamo che da domenica sarà tutta un’altra storia. Il momento non è dei migliori; la sorte di ha voltato le spalle ma abbiamo avuto infortuni, squalifiche e decisioni arbitrali avverse.

Anche Anastasi ha parlato con i giornalisti dopo la «fuga» del dopo partita quando non si è presentato in sala stampa. Il tecnico ha spiegato perché ha schierato Bonarrigo al centro dell’attacco spostando Panatteri sull’esterno. «Pensavo – ha detto- che le incursioni da dietro di Foderaro e Crucitti avrebbero potuto aprirci la via della rete. Non ha funzionato e nella ripresa ho cambiato schieramento riportando Panatteri al centro. Ora dobbiamo fare i conti con una rosa ristretta soprattutto di under dopo l’abbandono di Piluso ed Alma ma non ci abbattiamo. Faremo bene».