Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 801
RAGUSA - 17/02/2013
Sport - Calcio, Promozione: vittoria esterna del Real Ragusa sul campo dell’Hellenika a Siracusa

Pari e patta tra Scicli e S. Croce, decidono 2 punizioni

Derby deciso nel primo tempo, seconda frazione priva di spunti Foto Corrierediragusa.it

8a giornata di ritorno (17 feb 2013)- Le partite delle iblee:

Hellenika - Real Ragusa: 0 - 1
Scicli - Santa Croce : 1 -1


Il turno ha vissuto il suo clou con il derby fra Scicli e Santa Croce terminato in parità 1-1. Partita molto combattuta dove le due squadre non si sono risparmiate, giocando un calcio votato all’agonismo e ai ritmi elevati. Nello Scicli mancava Livia mentre nel Santa Croce erano assenti Iurato e Thabti per squalifica e La Vaccara per infortunio. Le assenze alla fine sono state più pesanti per il Santa Croce (nella foto: la formazione) che ha risentito in avanti e a centrocampo il mancato supporto dei due assenti mentre la difesa ha sopperito in modo egregio alla mancanza di Iurato.

Avvio imperioso dei padroni di casa che premevano con insistenza nell’area avversaria. Al 13’ da un calcio di punizione che si era guadagnato dal limite Cervillera lo stesso centrocampista batteva in modo perfetto, spiazzando il portiere ospite Cavone. Lo Scicli però dopo il gol ripiegava, subendo la reazione del Santa Croce che conquistava il centrocampo e creava una costante pressione nella metà campo avversaria. Una punizione di Quintana veniva parata con una certa difficoltà da Buonuomo. La formazione di Lucenti però raggiungeva il pari con un secondo calcio di punizione dal limite che stavolta batteva Vasile: il centrocampista vittoriese batteva alla destra di Buonomo spiazzando il numero uno cremisi.

Nella ripresa le due squadre aumentavano il ritmo con dei capovolgimenti di fronte dall’una e dall’altra parte che animavano la partita. A creare però le maggiori pericolosità sulla metà campo avversaria era il Santa Croce che mostrava di saper essere più concreto, spinto da Consalvo e Quintana. Le conclusioni però erano poche e tutte improntate all’imperfezione nella fase di realizzazione.

Il Real Ragusa ha espugnato il campo dell’Hellenika Siracusa con un gol lampo del solito Pecorari ad appena 12» dal fischio iniziale. La squadra acatese infatti batteva il calcio d’inizio con Francesco Guarino che smistava subito per Pecorari sulla sinistra che, entrato in area, insaccava senza difficoltà. Nella prima frazione la formazione allenata da Rocco Guarino poteva raddoppiare ma falliva nelle conclusioni. Ad inizio ripresa la formazione di casa cercava il pareggio ma dopo dieci minuti il Real Ragusa riprendeva a farsi pericoloso e per i restanti minuti collezionava almeno tre palle gol ma senza esito.

Con questa vittoria la formazione biancoceleste acatese si piazza al sesto posto in classifica allontanandosi ancora di più dalle zona calde per disputare i play out. Nel prossimo turno di mercoledì, che verrà anticipato a causa delle elezioni politiche, il Santa Croce e il Real Ragusa giocheranno in casa rispettivamente contro la Rari Nantes e lo Sporting Battiati mentre lo Scicli farà visita al Città di Augusta.