Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 657
RAGUSA - 17/02/2013
Sport - Volley, B2: prima sconfitta casalinga per il sestetto di Benassi

Derby "caldo" tra Progeo Ragusa e Volley Modica

Vince il sestetto di Di Grandi al fotofinish. Gran pubblico sugli spalti. Il presidente Rigoletto: "Modica ha meritato di vincere, ha avuto più motivazioni di noi" Foto Corrierediragusa.it

Progeo Ragusa – Volley Modica: 2 – 3
Parziali: 15-25, 18-25, 25-13, 25-21, 19-21


Tre ore di battaglia in campo ed ala fine il Volley Modica viola il PalaMinardi. E’ la prima sconfitta casalinga per il Progeo che ha avuto il merito di recuperare lo svantaggio di due set e di combattere fino all’ultimo punto. E’ stato il giovanissimo Danilo Incatasciato con una schiacciata delle sue a dare vittoria e punto al sestetto di Di Grandi che voleva a tutti i costi vendicare la sconfitta dell’andata. E’ stato derby vero sul parquet e fuori con una grande cornice di pubblico, oltre 500 spettatori provenienti da tutta la provincia.

Qualche parola e gesto di troppo hanno rischiato di rovinare una serata che è stata di grande e vero sport per lo spettacolo in campo. Partono sparati i biancazzurri che si aggiudicano i primi due set grazie ad un Walter Bonsignore in serata di grazia. A fianco a lui un sorprendente, ma non troppo, Danilo Incatasciato, alla fine autore di 13 punti. Ragusa si scuota e Mauro Benassi decide di entrare in campo per dare una mano ai suoi ragazzi. La differenza si vede subito ed i neri lasciano a 13 i modicani e vincono il quarto set dopo un testa a testa avvincente. La partita si decide al quinto set; giocatori tesi e stanchi in campo e partita sul filo del rasoio. Si arriva sul 19 pari e Ragusa manca per sei volte il match-point decisivo. Ci riesce grazie ad uno scatto di orgoglio il Volley Modica che esce tra gli applausi dei suoi tanti tifosi al seguito.

Dice Emanuele Cappello, ex di turno: «Siamo entrati in campo con una grinta e una decisione mai viste. Guardavo in faccia i miei compagni e dal primo all’ultimo avevamo la consapevolezza di avere la partita in pugno. E’ stata una partita bellissima. In campo è volata anche qualche parola di troppo ma ho apprezzato tantissimo che a fine partita tutti i miei ex compagni sono venuti da me a complimentarsi. Ho trascorso due splendidi anni a Ragusa e non aver potuto giocare all’andata mi ha caricato anche di più.

Euforico ma con qualche sassolino nella scarpa da togliersi il patron Luca Cataldi: «E’ stata una vittoria meritatissima che anzi ci sta stretta. Ci dicevano che potevamo anche risparmiarci il viaggio per Ragusa senza Nicola Salerno. Beh ora posso dire che qualcuno poteva risparmiarsi di venire al palazzetto a perdere tre ore di tempo».

Molto lucida l´analisi a fine gara del presidente del Progeo, Rigoletto: "Modica ha messo in campo più motivazioni di noi ed, alla fine, è giusto che abbia vinto. Ogni partita è aperta a qualsiasi risultato e nessuno può permettersi di giocare senza "gli occhi della tigre" , per usare una frase cara a coach Velasco. Il nostro approccio è stato totalmente sbagliato e ne abbiamo subito le conseguenze. Nessun dramma comunque per una sconfitta che, prima o poi, doveva arrivare: d´altronde, grazie alle vittorie di Vibo con Lamezia e di Trapani con Cinquefrondi, rimaniamo saldamente in terza posizione pur avendo disputato una partita in meno rispetto a chi ci precede e questo ci aiuterà a dimenticare in fretta questo passo falso per concentrarci sulla prossima insidiosa trasferta di Tremestieri".