Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1037
RAGUSA - 21/01/2013
Sport - Basket, A2: partita equilibrata ma le spezzine sono state più precise sotto canestro

La Passalacqua si ferma a La Spezia, è la 1a sconfitta

Micovic poco precisa sotto rete, le ragusane cedono le armi nel terzo tempo Foto Corrierediragusa.it

Carispezia - Passalacqua Ragusa: 65-53
(Parziali: 18-16,28-27, 42-38, 65-53)

Carispezia La Spezia: Reke 13, Templari 13, Giorgi 4, Russo ne, Costa 7, Tripalo 5, De Mattei ne, De Pretto 12, Piastri ne, Tava 11. All. Massimiliano De Santis.

Passalacqua Ragusa: Micovic 12, Caliendo, Mazzone ne, Chimenz ne, Galbiati, Mauriello 4, Papamichail 17, Sarni 2, Soli 12, Valerio 6. All. Nino Molino.
Arbitri: Alessandro Soavi e Marco Venturi


La Passalaqcqua si ferma a La Spezia. Dopo 14 vittorie consecutive primo stop in campionato per le ragusane che hanno pagato a caro prezzo gli errori sotto canestro. Partita molto equilibrata, almeno fino al terzo tempo, con Papamichail e Soli (nella foto) sugli scudi. Troppi invece gli errori della Micovic dalla lunga distanza(1 su 7) che hanno penalizzato prestazione e risultato della squadra di coach Molino. Micovic era partita bene insieme alla Papamichail e soprattutto nel primo tempo Ragusa ha tenuto testa alle padrone di casa che comunque sono andate in vantaggio sul 18-16.

Nel secondo quarto Soli è salita in cattedra ma la superiorità al rimbalzo non ha prodotto molto per le biancoverdi in svantaggio di un punto, 28-27. Nel terzo quarto match sempre sul filo ma alla fine La Spezia è stata più decisa sotto canestro ed ha messo sotto le ragusane. I punti di distacco in classifica restano 4 a favore della Passalacqua, 28 contro 24, ma bisogna subito riassorbire la sconfitta.

Coach Nino Molino è pronto a ricaricare le batterie della squadra sin dalla ripresa della preparazione: "Non ci resta che resettare e ripartire con lo stesso entusiasmo di prima. Mancano nove partite e, grazie anche al parziale della differenza canestri, è ancora tutto in mano a noi. Dopo 14 vittorie, una sconfitta ci può stare anche perché La Spezia ha meritato e noi non abbiamo sicuramente disputato la nostra migliore partita. Abbiamo tirato con percentuali insufficienti, sbagliando anche buoni tiri e liberi anche in momenti decisivi".