Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 777
RAGUSA - 01/12/2012
Sport - Calcio, Promozione: Real Ragusa perde sul campo del Pio X a Catania

S. Croce in trasferta contro l´Aquila, Scicli ospita capolista

I cremisi cercano il successo per risalire in classifica

La 13ma giornata delle iblee:

Aquila Caltagirone – Santa Croce
S.Pio X - Real Ragusa 2 - 0
Scicli – Gymnica Scordia


Turno difficile per le ragusane impegnate in Promozione. Il Real Ragusa a Mascalucia contro il S.Pio X, ha ceduto di netto dopo una gara condotta dai padroni di casa. I gol sono venuti nel secondo tempo dopo il predominio territoriale del Pio X.


Lo Scicli, contro la capolista Gymnica Scordia, ha il compito più arduo ma nel contempo quello più aperto a diversi risultati e quindi anche alla vittoria. La squadra catanese fuori casa ha meno frecce al suo arco rispetto a quando gioca in casa, con il fondo del campo in sintetico. Lo Scicli infatti dovrà far valere il fattore campo se vorrà avere la meglio sui rossoazzurri oltre a perseverare nell’intraprendenza tattica che le ha consentito, anche fuori casa e rispetto ad una fase iniziale del campionato, di giocare con maggiore convinzione e determinazione agonistica.

Sarebbe stato un impegno alla portata del Santa Croce quello contro l’Aquila Caltagirone, anche se in partita esterna. A complicare invece la situazione c’è l’emergenza giocatori, con diverse assenze per squalifiche e infortuni. Mancheranno infatti Iurato e D’Agosta, squalificati e il portiere Cavone infortunato. La Vaccara sta recuperando e potrebbe andare in panchina. Il suo utilizzo però potrebbe essere attuato forse mercoledì nella partita di Coppa Italia o domenica prossima in casa. La partita è resa ancora più difficile dal terreno di gioco in terra battuta che non lascia spazi alla tecnica superiore dei biancoazzurri e al modulo più organico impostato da Lucenti. Un solo dubbio per il tecnico in avanti sull’utilizzo della punta.