Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 23 Luglio 2018 - Aggiornato alle 23:47
RAGUSA - 27/11/2012
Sport - Ennesimo appello del comitato Pro Petrulli al commissario straordinario

Lo stadio di contrada Petrulli reclamato dall´atletica

Attualmente utilizzato dalle società di rugby e lasciato in condizioni poco praticabili

Lo stadio di contrada Petrulli versa in condizioni penose. Il comitato Pro Petrulli, costituito da numerosi cittadini e praticanti torna a sollecitare un intervento visto che il primo appello è stato inascoltato a palazzo dell’Aquila. Tra i disagi lamentati il fango lungo il percorso della pista e delle aree circostanti, segno inequivocabile di una condotta scorretta di scrollare dalle scarpette quanto raccolto dal rettangolo di gioco.

A questo si associa anche lo stato degli spogliatoi, in forte contrasto con la condizione di qualche anno fa.Questo quadro, anche se non è ritenuto interessante per qualcuno, denota un lento e inesorabile declino di uno stadio di atletica leggera nato per scopi diversi e avviato a uso esclusivo dei rugbisti.

Dice Salvatore Cascone a nome del comitato Pro Petrulli: « Si rileva che il mondo sportivo è variegato e tutti hanno diritto al loro spazio, specie per gli atleti (anche amatoriali) che trovano indegno correre su una pista sporca, ad attraversare spazi pieni di fango, cambiarsi i vestiti e fare la doccia in spogliatoi in totale dissesto, sentire continue imprecazioni in campo e altre condizioni non in linea con un ambiente frequentato (almeno fino a poco tempo fa) anche da donne e ragazzi. In questo momento si assiste anche alla presenza massiccia di soggetti estranei, interessati direttamente o indirettamente al rugby, che lascia trapelare un imminente passaggio di destinazione d’uso del Petrulli». Il comitato rileva anche la condizione molto precaria del campo eerboso e della necessità di ripristinare la condizione originaria.

Su quest’altro punto credo che qualcuno dovrà dare conto, specie in una attuale situazione economica dove le risorse per le amministrazioni sono sempre più scarse.