Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 485
RAGUSA - 26/11/2012
Sport - Basket, A2: le ragazze di Nino Molino sempre avanti nella sfida al vertice. Espulso il tecnico

A Bologna la 9a vittoria consecutiva della Passalacqua

Domenica pomeriggio sarà di scena al PalaMinardi il Battipaglia delle ex Granieri e Di Battista Foto Corrierediragusa.it

Meccanica Nova Bologna - Passalacqua Ragusa: 54 - 60
Parziali: 14-23, 29-36, 36-53

Meccanica Nova Bologna: Nori, Tassinari 13, Crudo 13, Cordisco 1, Calabrese, Bonafede 12, Santarelli 11, Cigliani n.e., Jamal n.e., Allen 4. All. Maurizio Scanzani.

Passalacqua Ragusa: Micovic 9, Mazzone n.e., Chimenz n.e., Caliendo 9, Soli 10, Sarni, Valerio 5, Mauriello 12, Papamichail 13, Galbiati 2. All. Nino Molino.

Arbitri: Marco Piram di Livorno e Andrea Bongiorni di Pisa



Nove gare, nove successi: prosegue anche sul campo della vicecapolista la marcia della Passalacqua Spedizioni. Ora le ragusane viaggiano con sei punti di vantaggio su un quintetto di squadre anche se devono ancora osservare il loro turno di riposo. La trasferta di Bologna rappresentava per le iblee una vera e propria prova del nove per verificare le proprie ambizioni e il campo ha dato loro pieno conforto.

Nonostante le non perfette condizioni del capitano Paola Mauriello, partita fuori dallo starting-five, la Passalacqua ha subito imposto la sua caratura e con Milica Micovic, Agnese Soli e Pelagia Papamichail ha impresso alla gara il suo marchio (0-7 al 3’). Un margine di vantaggio che Bologna non è riuscito più a recuperare nei rimanenti 37 minuti. Le biancoverdi hanno anche toccato un margine di 17 punti (36-53 al 30’) e mai le emiliane hanno dato l´impressione di poter ribaltare l´inerzia dell´incontro, nonostante il metro seguito dalla coppia arbitrale non abbia certo agevolato Micovic e compagne. E quando coach Nino Molino lo ha fatto notare alla coppia arbitrale si è ritrovato con due falli tecnici e la prima conseguenziale espulsione della sua trentennale carriera di tecnico.

Alla palla a due, la Passalacqua si presenta con Agnese Soli, Agnese Galbiati, Milica Micovic, Silvia Sarni e Pelagia Papamichail. L’avvio è tutto di marca siciliana e solo due conclusioni da tre di Elisabetta Tassinari tengono in partita Bologna (10-17 al 7´), ma il secondo fallo fischiato a Silvia Sarni costringe Molino a rischiare Paola Mauriello mentre Lia Valerio rileva Virginia Galbiati. La Passalacqua ritrova un suo equilibrio e sfrutta i giochi che privilegiano le caratteristiche di Mauriello e di Pelagia Papamichail, mentre Bologna centra con Sara Crudo canestri importanti (25-33 al 18’) ai quali replica un’eccellente Valerio (29-36 al riposo). Al ritorno in campo, la Passalacqua stringe la difesa per quanto la coppia arbitrale consenta lasciando a Bologna solo sette punti e con Paola Mauriello e Agnese Soli marca l’allungo rivelatosi poi decisivo. Nel quarto parziale, Ragusa si limita a controllare il ritorno di Bologna e chiude con l´autorevolezza della grande squadra.

A fine gara, Nino Molino (nella foto) è soddisfatto per la prestazione e il risultato ma molto amareggiato per l´espulsione subita: «Non giudico l’operato degli arbitri, ma dico solo che in trent´anni di carriera non mi era mai capitato. È successo a Bologna e mi dispiace. La squadra ha dimostrato però di essere superiore a ogni contrarietà e avrebbe potuto gestire la partita anche con maggiore serenità. Abbiamo disputato nel complesso una buona partita e siamo stati avanti anche di 17 punti e, anche se nel finale Bologna si è rivvicinata, noi abbiamo sempre tenuto, con grande maturità, la situazione sotto controllo».