Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 549
RAGUSA - 22/10/2012
Sport - Basket: le ragusane sempre in vantaggio sulle spezzine in un match combattuto

Passalacqua super batte lo Spezia e vola in testa

Il quintetto biancoverde più preciso nei tiri e nei rimbalzi con Pelagia Papamichail e Paola Mauriello in gran spolvero
Foto CorrierediRagusa.it

Passalacqua Ragusa - Carispezia: 66 - 53

PASSALACQUA RAGUSA: Micovic 3, Caliendo 10, Mazzone, Chimenz, Galbiati, Mauriello 23, Papamichail 18, Sarni 8, Soli 4, Valerio. All. Nino Molino.

CARISPEZIA: Consolini 7, Reke 13, Templari 8, Giorgi 3, Russo, Costa 7, Tripalo, De Mattei, De Pretto 9, Denti 6. All. Massimiliano De Santis.

ARBITRI: Guida e Giacalone di Trapani

PARZIALI: 17-12, 39-26, 46-43.


La Passalacqua batte Spezia ed è sola in classifica dopo appena tre giornate. Partita combattuta al PalaMinardi ma sempre in mano alle ragusane che sono state in vantaggio anche nei tre parziali.

All’avvio Molino lancia in quintetto Agnese Soli, Virginia Galbiati, Milica Micovic, Paola Mauriello e Pelagia Papamichail. De Santis risponde con Lisa Tripalo, Elisa Templari, Valeria De Pretto, Sara Giorgi e Lauma Reke. Dopo pochi istanti, Micovic è costretta a lasciare il parquet per una botta al costato, sostituita da Lia Valerio. Le due squadre difendono con grande applicazione e il primo canestro arriva dopo 80 secondi con Paola Mauriello.

L’ala di Ragusa scalda la mano e con tre triple porta avanti le compagne (12-6 al 6’). Al 10’ il tabellone indica 17-12 con 11 punti di Mauriello e 4 di Reke che ricuce lo svantaggio tenendo in gara le ospiti. L’inizio del secondo quarto è tutto di marca siciliana con Soli e Sarni che realizzano otto punti consecutivi e La Spezia che non trova soluzioni contro la difesa individuale ragusana. Al 15’ Ragusa doppia La Spezia con Caliendo che mette dentro la palla del 30-14. Consoli, Reke e Templari, con tre triple consecutive, riaprono la partita e, al 18’, due liberi di Denti accorciano ancora il divario (32-25 con un parziale di 8-0). Molino rimanda in campo Micovic che realizza subito la tripla del 35-25 ma Papamichail commette il terzo fallo e, prudenzialmente, torna in panchina. Sarni rientra sul parquet e si presenta con quattro punti consecutivi che mandano al riposo le due squadre sul 39-26.

Al ritorno in campo, la Passalacqua tocca di nuovo il più sedici (massimo vantaggio) con Anna Caliendo (42-26 al 2’). Ma La Spezia non è a Ragusa in vacanza. De Santis varia la sua difesa e disorienta Ragusa (1/11 al tiro). Un parziale di 8-0 firmato da De Pretto riapre di nuovo la contesa (46-43 al 30’ con soli sette punti a referto per Ragusa). Molino chiede più difesa e dirotta Valerio su De Pretto. All’inizio del quarto parziale Valentina Costa gela il Palaminardi siglando il sorpasso (46-47). La Spezia non approfitta dello sbandamento biancoverde (Consolini sbaglia l’appoggio a canestro sul rimbalzo c’è fallo in attacco). La Spezia si porta sino al 46-48, ma Ragusa si dimostra molto fredda anche nel gestire una situazione non facile. Paola Mauriello (con un canestro e aggiuntivo) ribalta di nuovo l’inerzia.

In campo c’è ora anche Pelagia Papamichail e la sua presenza si rivela devastante per l’equilibrio del match. Realizza sette punti consecutivi, costringe al quinto fallo De Pretto (al 35’) e Ragusa (anche con Caliendo e Mauriello) trova un parziale di 13-0 che chiude la partita e accende l’entusiasmo del pubblico del PalaMinardi.

Ragusa ha tirato con maggiore efficacia (40% contro il 32% delle liguri), è stata più precisa ai liberi (93% contro il 63 di La Spezia), più reattiva a rimbalzo (41 a 35). Tra le singole, da evidenziare le prestazioni di Pelagia Papamichail (25 la sua valutazione finale), Paola Mauriello (20). Tra le ospiti le statistiche premiano Lauma Reke (13) e Valeria De Pretto (10).