Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1075
RAGUSA - 14/10/2012
Sport - Calcio, Promozione: per il Real i gol di Pecoraro e Guarino per battere il S. Angelo Licata

Real Ragusa e S. Croce vincono, Scicli pari a Caltagirone

La squadra di Gaetano Lucenti risale in classifica ed è ora alle spalle delle prime
Foto CorrierediRagusa.it

I risultati delle iblee nella 6a giornata (14 ott. 2012):
Aquila Caltagirone – Scicli 1–1
Real Ragusa – S.Angelo Licata 2-1
Santa Croce – Hellenika 3-1


Giornata positiva per le formazioni iblee di Promozione che hanno incamerato due vittorie e un pareggio e assestandosi nelle zone alte della classifica. Scicli, Real Ragusa e Santa Croce, con il passare dei turni, stanno assumendo i connotati di squadre di alta classifica, con ancora ampi margini di miglioramento.

Lo Scicli ha ottenuto un prezioso pareggio a Caltagirone contro l’Aquila, una formazione che in casa lascia poco alle squadre avversarie. Un pareggio quindi che vale tanto per la formazione allenata da Orlando che potrà allungare la striscia positiva fino adesso di due giornate con la prossima partita interna che la vedrà affrontare la Enzo Grasso di Siracusa.

Importante vittoria anche per il Real Ragusa (nella foto la formazione) cha supera la formazione licatese del S.Angelo con un perentorio 2-1 che porta la firma di Pecorari intorno alla mezz’ora di gioco del primo tempo e di Ciccio Guarino sempre intorno alla mezz’ora però del secondo tempo, trasformando un calcio di punizione dal limite. Il S.Angelo aveva pareggiato il gol dei biancocelesti acatesi a poco meno di cinque minuti dalla fine del primo tempo con la palla che si era stampata prima sul palo della porta difesa da Gurrieri e poi era carambolata sulla schiena dell’estremo difensore locale andando in rete.

Il Santa Croce vince nettamente contro l’Hellenika Siracusa scardinando la difesa ospite al 30’ con un tiro di Incardona dal limite che passava sotto le braccia del portiere, legittimando una prima mezz’ora di superiorità di gioco e di movimenti. Ad inizio ripresa tre gol nel giro di sette minuti. Al 1’ un grande Quintana assestava un cross dalla fascia sinistra, quasi dalla linea di fondo, in area per Trama che insaccava. Due minuti dopo una dormita generale della difesa biancazzurra permette agli ospiti di accorciare le distanze e riaprire la partita.

Per poco, perché dopo altri tre minuti La Vaccara, imbeccato egregiamente ancora da un super Quintana, insaccava per il definitivo 3-1. La formazione di Lucenti così dimentica l’immeritata sconfitta di domenica scorsa inflitta più che dalla Gymnica Scordia dall’arbitro Matarazzo di Siracusa che ha letteralmente regalato la vittoria ai padroni di casa con due interventi arbitrali scandalosi che in tutte due i casi hanno portato prima al pareggio e poi alla vittoria della capolista.

La classifica:

Atletico Catania 14
Gymnica Scordia 14
S.Pio X 14
Santa Croce 10
Città di Augusta 9
S.Angelo Licata 8
Scicli 8
Real Ragusa 8
Enzo Grasso 8
Aquila Caltagirone 8
Sporting Battiati 8
Aci S.Filippo 7
Rari Nantes 4
Hellenika 4
Città di Mascalucia 3
Real Niscemi 2