Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1131
RAGUSA - 14/10/2012
Sport - Basket: tra le più positive la greca Pelagia Papamichail

La Passalacqua passa ad Ancona e resta capolista

Le ragazze guidate da coach Nino Molino hanno mostrato ulteriori passi avanti imponendo subito il proprio ritmo alla gara
Foto CorrierediRagusa.it

Vestra Ancona 48
Passalacqua Ragusa 67

VESTRA ANCONA: Tomassetti, Redolf 2, Moroni 3, Sordi 27, Aragonese 6, Cadoni, Ridolfi, Formiconi, Mataloni, Ndjock 10
All. Luca Piccionne Luca.
PASSALACQUA RAGUSA: Micovic 6, Caliendo 7, Mazzone, Chimenz, Galbiati 10, Mauriello 14, Papamichail 18, Sarni 6, Soli 5, Valerio 1. All. Nino Molino

ARBITRI: Marco Venturi e Alessandro Soavi di Bologna.

PARZIALI: 14-23, 20-39, 30-50.


La Passalacqua bissa il successo della gara d´esordio vincendo con sufficiente autorità anche al PalaRossini di Ancona. Le ragazze guidate da coach Nino Molino hanno mostrato ulteriori passi avanti imponendo subito il proprio ritmo alla gara. L´impatto sulla partita è ben diverso da quello contro Napoli e le triple di Galbiati, Mauriello, Caliendo e Soli scavano subito il solco con Ancona che affida ai liberi di Carola Sordi e Francesca Redolf e alle conclusioni da sotto di Ndjock il compito di tenere viva la partita (14-23 al 10´).
Nel secondo quarto Molino ordina una difesa più attenta e Ancona fatica a trovare la retina (solo sei punti per le doriche prima del riposo lungo) mentre, dalla parte opposta, un parziale di 11-0 e un 4/4 da tre (con Mauriello, Galbiati e una doppia Micovic) creano le condizioni per l´allungo decisivo. Al rientro in campo, Carola Sordi, con due triple, dimostra che Ancona non considera chiusa la partita.

Le padrone di casa non concedono più spazi dal perimetro alle ragusane che, tuttavia, innescano Pelagia Papamichail (nella foto). La greca va a canestro con continuità rivelandosi molto utile anche in fase realizzativa. Proprio con un canestro di Papamichail, la Passalacqua raggiunge il suo massimo vantaggio (32-54 al 31´).

Tre triple di Sordi e una di Giulia Moroni limano il divario con le iblee che, nel finale, si accontenta di gestire il vantaggio.
Dai dati statistici emerge un 10/13 da tre (76.9%) difficilmente ripetibile anche a livello maschile: una percentuale, tra l’altro, doppia rispetto ai tiri da due (38,9%) e persino superiore alla media centrata ai liberi (75%). La valutazione più alta è di Pelagia Papamichail (16), seguita da quattro compagne con 9 (Virginia Galbiati, Paola Mauriello, Silvia Sarni e Agnese Soli).

Domenica prossima alle 18, al PalaMinardi, è già sfida al vertice con TermoCarispezia, una delle squadre meglio attrezzate per tentare la promozione in serie A1.