Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 836
RAGUSA - 14/05/2012
Sport - Basket: dopo la sconfitta di domenica le biancoverdi devono vincere per andare a gara tre

Stasera a Chieti la Passalacqua si gioca una stagione

Coach Marco Savini imposterà una gara d’attacco Foto Corrierediragusa.it

Sul parquet del Palazzeto dello sport di Chiestio la Passalacqua si gioca la stagione. La sconfitta, seppur di misura, ccontro le abruzzessi al PalaMinardi è arrivata coe un pugno allo stomaco per le le ragusane.

Gli errori sotto canestro hanno penalizzato il quintetto di coach Savini che è chiamato stasera a ribaltare il pronostico che vede favorite le locali di Caboni.

Ci vuole una grande prova per scacciare le streghe della scorsa stagione quando proprio con le chietine Bestagno e compagne dovettero uscire di scena proprio alle seminfinali.

E´ successo domenica:

Passalacqua Ragusa-Cus Chieti 71-73

Passalacqua Rg: Buzzanca 10, Mazzone 1, Chimenez, Carnemolla ne, Machanguana 20, Sarni 12, Bestagno 13, Koutznetsova 5, Manzini 8, Valerio 2. All. Savini

Cus Chieti: Marino ne, De Luca 6, Diodati, Iannucci ne, Tognalini 19, Olheim 7, Silva 15, Gonzales 20, Gatti 6, David. All. Caboni

Arbitri: Barilani e Aprea di Roma
Parziali: 22-15, 38-36, 53-56


Brutto colpo per la Passalacqua Ragusa. Ancora una volta il Cus Chieti si è rivelato la bestia nera del quintetto ragusano. Era successo lo scorso anno è successo domenica al PalaMinardi. Le ragusane di coach Marco Savini hanno perso garauno ed ora devono assolutamente rifarsi mercoledì sul parquet abruzzese per disputare gara tre.

Le chietine hanno giocato una gara fisica e molto determinata trovando Sarni e compagne distratte in qualche fase di gioco. Nel finale la Passalacqua era comunque riuscita ad andare avanti con un rassicurante più 6 ma non riuscendo a difendere il vantaggio. Le biancoverdi hanno pagato la loro scarsa vena realizzativa e l’ultimo tiro da 3 da metà campo di Silvia Sarni sul 71-73 è andato a sbattere sul tabellone. Ora ci vuole una grande gara per riprendersi la possibilità di disputare la finale promozione.