Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1008
RAGUSA - 12/05/2012
Sport - Basket: domenica alle 18 gara uno della semifinale. Si ripropone la sfida dello scorso anno

Buzzanca: "Contro il Chieti abbiamo bisogno dei tifosi"

Assente Valeria Carnemolla, rientra Silvia Sarli. Sarà una partita "fisica" contro uno dei migliori quintetti
Foto CorrierediRagusa.it

Si gioca domenica alle 18, al PalaMinardi, da garauno delle semifinali playoff. Di fronte Passalacqua Ragusa e Cus Chieti. Si tratta di uno degli snodi fondamentali della stagione che le ragusane affrontano con il vantaggio dell´eventuale bella da poter giocare in casa. Di fronte si trovano, però, un ostacolo tra i più ardui che il calendario potesse riservare loro.

Il Cus Chieti è infatti una squadra fortissima, sia dal punto di vista tecnico che fisico, guidata in panchina da Giuseppe Caboni, che in molti ricordano a Ragusa per quel timeout fuori luogo chiamato lo scorso anno a pochi secondi dalla sirena, ma che in realtà è uno dei coach più preparati e scrupolosi del nostro panorama cestistico. Sarà quindi una sfida tutta da seguire nella quale le ragazze in campo e il pubblico del PalaMinardi devono dare qualcosa in più.

Il capitano Mara Buzzanca (nella foto)
lancia un appello a tutti gli sportivi ragusani: "Lancio un appello ai tifosi. Ci incoraggino, applaudano ma si arribbino anche se c´è da arrabbiarsi. In questa partita, non c´è bisogno di un pubblico salottiero ma di un sesto uomo che scenda con noi in campo. Affrontiamo una squadra forte che non lascia mai più di 50-55 punti alle avversarie e questo testimonia l´intensità che sanno mettere nelle partite. Sono attente in difesa, fisicamente hanno molti chili e centimetri, tecnicamente possono contare delle ottime individualità. Nel complesso esprimono una buona pallacanestro e in casa sanno sfruttare il fattore campo. Sono convinta, però, che dipenda tutto noi. Se giochiamo come sappiamo, non ci sarà storia. Ma dovremo dare tutto e per tutti i 40 minuti".

Le parole del capitano caricano un ambiente che è pronto a rinverdire ancora una volta la sua passione cestistica stringendosi attorno alla Passalacqua : una squadra e una società che possono riportare Ragusa nei circuiti nobili della pallacanestro. Anche per questo, il passaparola con l´appuntamento domenica pomeriggio al palazzetto sta divenendo sempre più insistente.

A dirigere il confronto sono stati chiamati due arbitri molto esperti come Stefano Barilani di Roma e Marcello Aprea di Napoli. Il via alle 18 e l´ingresso al PalaMinardi sarà come sempre gratuito.