Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 488
RAGUSA - 27/04/2012
Sport - Calcio: dalla C alla Promozione, sono stati sei anni di bocconi amari

Rimmaudo: "Costruiamo il progetto Ragusa, ma niente perditempo"

La parabola discendente cominciò il 10 aprile del 2004 quando nei minuti finali il Ragusa di Saro Foti si fece raggiungere dall’Isernia e perse la serie C
Foto CorrierediRagusa.it

Sono stati sei anni lunghi di digiuno, di bocconi amari da trangugiare. Dalla scomparsa della società alla resurrezione. Il calvario è iniziato nella Domenica delle Palme del 2004 quando all’ultima giornata di serie C gli azzurri guidati da Saro Foti affrontano l’Isernia. Bisogna vincere per mantenere la categoria e tutto va per il verso giusto con il Ragusa che vince per 2 – 0 con reti di Bonarrigo e Pellegrino. Poi il patatrac degli ultimi minuti.

L’Isernia pareggia e si scatena il putiferio in campo. Il Ragusa retrocede, squalifiche pesantissime per giocatori e dirigenti ed una pagina buia della storia del calcio ragusano viene scritta. E’ una crisi che sembra irreversibile. IL Ragusa entra nel tunnel nero, viene cancellato e si deve ricorrere al nome di Pozzallo – Ragusa e Real Ragusa in Promozione grazie al presidente Giuseppe Rimmaudo (nella foto) per ricominciare a giocare. Sono stati anni difficili per il presidente che investe ma non vede risultati di sorta.

Cambiano i tecnici, Zingherino, Balzano, Lucenti e poi l’avvento di Rigoli. L’anno scorso il Ragusa ci va vicino. Perde i play off con l’Adrano che poi sarà ripescato in serie D , ove attualmente milita. Il Ragusa è arrivato con un anno di ritardo ma il presidente è convinto: "Avanti con il mio progetto ma voglio persone serie con me".


ERRORI
28/04/2012 | 13.31.24
marco

Signor Gennaro
Lei à un giornalista, per cui la Sua etica professionale Le dovrebbe imporre un minimo di approfondimento. I fatti avvenuti con l´Isernia (2004) e le relative squalifiche avvennero in una stagione epica in cui il Ragusa si salvò giocando i Playout con il Casteldisangro, sempre in campo neutro, prima a Paternò e poi a Caltanissetta. Per cui, caro Sig. Gennaro, non ci tocchi quella stagione ed i nostri sacrifici, sempre a seguire la squadra in trasferta...
I ragazzi, nonostante la mazzata delle squalifiche, personali e del campo, si salvarono, diamogliene merito.
La retrocessione fu l´anno successivo (2005), giocando regolarmente al Selvaggio con il Taranto. ai playout.
Per cui, Sig. Gennaro, non ci tocchi quegli anni di gloria, e cerchi di documentarsi, parliamo di pochi anni fa, certi errori sono proprio evitabili. Grazie.