Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1045
RAGUSA - 20/04/2012
Sport - Basket: i giovani ragusani per l’ultima trasferta dell’anno

La retrocessa Nova Virtus gioca a Canicattì

C’è da salvare comunque il buon nome della società e tenere alto il nome della città

Ultima gara stagionale esterna per la Nova Virtus che sarà di scena al palazzetto dello sport di Canicattì per la penultima di regular season del girone I di .

Non c´è più nulla da chiedere alla classifica da parte dei ragusani matematicamente retrocessi in C regionale, ma agrigentini che invece cercano proprio i due punti della matematica permanenza, al fine di evitare il rischioso play-out con Gela.

Compito, dunque, quanto mai difficile per la Nova Virtus che, da parte sua, vuole concludere in bellezza la sfortunata passerella in Dnc e migliorare la classifica, quantomeno, in prospettiva dei futuri ripescaggi.
Peraltro, il Canicattì degli oriundi-argentini vanta un roster di buona fattura che ad inizio stagione ha veleggiato a fianco delle formazioni migliori.

Nella Nova Virtus, sempre precarie le condizioni fisiche di Mattia Terrana e di Carmelo Iurato che hanno assistito dalla panca all’ultima parte dell’allenamento di venerdì sera. Stessa solfa per Giorgio Canzonieri, vittima di una distorsione alla caviglia, proprio nel finale della seduta tecnica. Tutti e tre, però, domani dovrebbero essere in campo, così come è tornato disponibile Enrico Distefano. Out, per una distorsione al gomito, invece, la guardia Pellegrino.


De prufundis
21/04/2012 | 13.27.01
Alessio Ragusa

"C´è da salvare comunque il buon nome della società e tenere alto il nome della città".

Dovrebbero salvarlo nelle ultime giornate i poveri ragazzi mandati allo sbaraglio per una stagione intera?

Riusciremo prima che si chiuda la stagione a leggere un articolo meno "emiliofediano" (parlo in generale su tutti i quotidiani, online e non) e più obiettivo sul disastro della gloriosa virtus?
Negli ultimi anni vi siete sforzati di farci vedere il bicchiere mezzo pieno anche quando il bicchiere era completamente vuoto.
Se purtroppo siamo qui a "celebrare" l´ennesimo "de prufundis" alla pallacanestro maschile ragusana parte delle responsabilità è anche di quasi tutta la stampa ragusana , accondiscendente e incapace di formulare critiche oggettive e costruttive.
Cordiali Saluti