Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:21 - Lettori online 1307
RAGUSA - 13/04/2012
Sport - Basket: pur vincendo i virtussini potrebbero retrocedere matematicamente

Nova Virtus contro Redel RC, sarà l´addio alla DNC?

Mancherà Mattia Terrana contro la temibile matricola reggina

Terz’ultima di regular season nel campionato di Dnc, girone I, con la Nova Virtus che sarà impegnata al PalaPadua, domenica, contro la quinta forza del torneo, la Vis Redel Reggio Calabria, allenata da coach Checco D’Arrigo.

La terribile matricola reggina si presenta in terra iblea ormai certa di partecipare ai play-off, con il quinto posto praticamente blindato, grazie anche al vantaggio della differenza punti negli scontri diretti. Speranze di play-out e, quindi, di salvezza, invece, ridotte più che mai al lumicino per gli iblei che, anche vincendo, potrebbero già domenica sera subire la conferma matematica della retrocessione (la seconda consecutiva) qualora il Basket Gela dovesse superare in casa Soverato. Evenienza, invero, messa in preventivo già l´ estate scorsa, visto che il club biancazzurro ha affrontato il difficile torneo con un nugolo di giovanissimi, quasi tutti debuttanti nel torneo nazionale.

La Nova Virtus affronterà la forte formazione reggina, quasi certamente, senza Mattia Terrana, mentre giovedì ha ripreso ad allenarsi con i compagni il Carmelo Iurato che, afflitto da una tallonite, si mostra comunque smanioso di tornare in campo e vuole a tutti i costi esserci contro la Redel.

Quella d’oltre Stretto, come detto, è compagine di discreta levatura tecnica e che vanta in organico due autentici assi per la categoria: si tratta della guardia-ala Claudio Cavalieri, con trascorsi da protagonista nei campionati cadetti e che eccelle soprattutto nelle conclusioni perimetrali, nonché del play Federico Antinori, altro atleta abituato a calcare ben altri prosceni.