Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:27 - Lettori online 747
RAGUSA - 30/03/2012
Sport - Basket: qualche problema di formazione per coach Recupido, Iurato e Terrana out

Virtus in trasferta sul campo del Jolly Reggio Calabria

Solo vincendo i ragusani possono ancora sperare nei play -out
Foto CorrierediRagusa.it

Si gioca la quart’ultima partita della regular season e la Nova Virtus anticipa sabato sera al Centro sportivo Viola sul parquet della Nuova Jolly Reggio Calabria.

Contro la quadrata Nuova Jolly di coach Leonardo Ortenzi che, peraltro, cerca due punti preziosi per scongiurare il play-out, la Nova Virtus mira anch’essa a vincere per tenere ancora in vita proprio la flebile speranza di poter agguantare gli spareggi-salvezza, ai danni di Gela, distante ben quattro punti, ed impegnata, anch’essa in anticipo, sul campo del Cocuzza San Filippo del Mela che punta, invece, ad entrare nella griglia play-off.

L’impresa dei virtussini, che hanno fallito troppe chances lungo l’arco del torneo, appare disperata, ma lo staff tecnico ed il roster non demordono. Già alla vigilia del campionato, era ben noto che l’impresa-salvezza per la giovanissima squadra ragusana era assolutamente improba e tale si è confermata.

Molto travagliata la vigilia della contesa con la Nuova Jolly. Solo poco prima dell’incontro, coach Recupido potrà appurare la disponibilità del play Mattia Terrana che nel finale del match con San Filippo del Mela ha accusato una nuova botta alla caviglia già malandata. Quasi certa anche l’indisponibilità di capitan Carmelo Iurato, afflitto da una noiosissima tendinite che lo ha costretto ai box per tutta la settimana.

Quello della Nuova Jolly, peraltro, è roster che vanta ottime individualità come il centro oriundo argentino Guillermo Ates ed il cecchino Raffaele Angelino (entrambi devastanti all’andata al PalaPadua, quando quelli d’oltre Stretto vinsero all’extra-time), ben supportati dai giovani Claudio Vozza e Dario Costa, oltre che dall’esperto Tramontana.