Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:03 - Lettori online 1301
RAGUSA - 20/02/2012
Sport - Le iblee hanno sfoggiato più continuità di gioco al PalaMinardi

Passalacqua Rg vince sul Cus Chieti 48 - 41

Una partita nella quale le due squadre hanno espresso un’altissima intensità difensiva Foto Corrierediragusa.it

Passalacqua Spedizioni Ragusa - Cus Chieti 48 - 41

PASSALACQUA SPEDIZIONI RAGUSA: Buzzanca 16, Mazzone 2, Chimenz 4, Carnemolla 6, Machanguana 2, Sarni 6, Bestagno 5, Kouznetsova 4, Manzini 1, Valerio 2. All. Marco Savini.

CUS CHIETI: Marino ne, De Luca 2, Iannucci ne, Zanella 2, Tognalini 2, Olheim 4, Silva 15, Gonzalez 13, Gatti 1, David 2. All. Giuseppe Caboni.

ARBITRI: Gabriele Gagno e Chiara Maschietto di Treviso
PARZIALI: 17-13, 27-23, 39-34


In una partita nella quale le due squadre hanno espresso un´altissima intensità difensiva, la Passalacqua Spedizioni Ragusa ha trovato maggiore continuità di gioco, qualche soluzione in più e, trascinata dal pubblico del PalaMinardi, è riuscita ad aggiudicarsi la super sfida contro il Cus Chieti. Dal punto di vista spettacolare, non è stata una partita memorabile ma troppo alta era la posta in palio per attendersi atteggiamenti diversi dalle due squadre. La gara ha comunque appassionato gli spettatori perché il risultato è stato sempre in bilico, anche se in due sole circostanza (4-5 al 5´ con Deborah Gonzalez 7-9 al 6´ con il canestro di Elisa Silva) le ospiti hanno messo la freccia. Il risultato, alla fine, esalta la Passalacqua Spedizioni, che si è imposta contro una diretta concorrente in condizioni di grande precarietà, e non dispiace neanche al Cus Chieti che esce sconfitto dal PalaMinardi ma conserva la differenza canestri a suo favore.

Marco Savini presenta un quintetto privo di Clarisse Machanguana, che solo nella mattinata di sabato ha ripreso a camminare a causa di una distorsione alla caviglia, e con Mara Buzzanca in campo nonostante i postumi dell´influenza che le hanno impedito di allenarsi per tutta la settimana. Il quintetto è composto da Linda Manzini, Mara Buzzanca, Lia Valerio, Ludovica Chimenz e Silvia Sarni. Coach Caboni si affida a Deborah Gonzalez, Elisa Silva, Josefinev Olheim, Valentina Gatti e Federica Tognalini. L´avvio è all´insegna del grande equilibrio con le padrone di casa molto attente nella marcatura della temuta Deborah Gonzalez che lascia qualche spazio di manovra in più a chi, come Elisa Silva, ha un ottimo impatto sulla partita (7-7 al 6´ con sei punti di Silva per le ospiti). Gonzalez porta avanti il Cus Chieti (7-9) e Savini manda sul parquet Valeria Carnemolla e Svetlana Kouznetsova e ottiene subito la risposta che si attendeva: Carnemolla realizza una tripla e Kouznetsova mette dentro quattro punti consecutivi, dando, con un break di 7-0 (14-9 all´8´), la prima svolta al match. Un´altra tripla del playmaker ragusano fissa il primo parziale sul 17-13, un punteggio che rimarrà fissato per oltre quattro minuti sul tabellone del PalaMinardi perché, in avvio di secondo quarto, entrambe le squadre litigano con il canestro, esaltando le loro attitudini difensive.

Ci pensa Martina Bestagno (al 5´) a rompere l´incantesimo (19-13) e due minuti più avanti Savini lancia nella mischia anche Machanguana che si presenta subito con un canestro (25-18 al 18´ per il momentaneo massimo vantaggio ragusano) e un paio di rimbalzi che danno sicurezza alle compagne, tranquillizzano il coach sulle sue condizioni e rendono visibile l’ottimo lavoro compiuto dall’equipe del medico sociale Nello Bocchieri. Al riposo si va sul 27-23 e la partita è sempre apertissima. Chieti ritarda il ritorno in campo dopo il riposo e trova la pessima accoglienza di Mara Buzzanca che realizza otto punti consecutivi. L´inerzia continua a restare dalla parte di Ragusa anche perché Chieti tira in questo parziale con un 2/10 da due e a rimbalzo Ragusa si dimostra superiore, con Silvia Sarni, Ludovica Chimenz, Martina Bestagno, Lia Valerio, Federica Mazzone sempre molto reattive.

Le ospiti non riescono a riaprire le gara neanche quando Ragusa è costretta a lasciare in panchina, gravate di quattro falli, le due playmaker e affida a Mara Buzzanca il ruolo di regista. In questa fase Sarni e Bestagno tengono a distanza i tentativi di ritorno di Chieti. Quando inizia l´ultimo minuto il tabellone indica il nuovo massimo vantaggio ragusano (47-39) e coach Savini pensa anche alla differenza canestri anche se perde per raggiunto limite di falli Valeria Carnemolla. Due tiri liberi di Gonzalez e uno di Bestagno chiudono il referto sul 48-41.

A fine gara coach Savini è soddisfatto. La squadra ha risposto come meglio non poteva alle sue sollecitazioni, dimostrando di essere un gruppo capace di grandi imprese. E quella di ieri lo è stata perché Cus Chieti è una delle squadre più accreditate per la promozione in A1 e affrontarla con due tra le atlete di maggior classe ed esperienza non al meglio non era certo l´ideale. "E´ stata - ha dichiarato il coach ragusano - una prova di grande cuore ed intensità difensiva. Le scelte che abbiamo compiuto su Deborah Gonzalez hanno pagato.

In attacco non abbiamo espresso il nostro meglio, anche se avevamo di fronte l´eccezionale organizzazione difensiva del Cus Chieti che ci ha messo in difficoltà, soprattutto con la fisicità delle loro esterne. Non c´è stata una vera svolta nella partita e se abbiamo vinto lo dobbiamo alla continuità con la quale abbiamo difeso e alla superiorità espressa dalle nostre lunghe a rimbalzo". Savini ci tiene a sottolineare la vittoria del gruppo (tutto e dieci le atlete scese in campo sono andate a referto) e preferirebbe non soffermarsi sulle prestazioni delle singole anche se ammette che, probabilmente, Carnemolla ha vinto il confronto con Gonzalez ("Sappiamo quanto sia importante per noi Valeria e quello che può darci") e loda Buzzanca e Machanguana in campo dopo una settimana molto tribolata. "Su Clarisse - conferma - non ho aggettivi. Diciamo che è stata impressionante. Il 99% delle atlete nelle sue condizioni sarebbe rimasta a letto.

Lei non solo ha dato la disponibilità, ci teneva ad esserci e stringendo i denti ci ha assicurato qualche minuto sul parquet. Mi sento davvero fortunato ad allenare un gruppo così. Clarisse, Mara e tutte le ragazze sono state grandi e mi rendono orgoglioso di essere il loro coach. Io le ragazze e lo staff - conclude Savini - ci tenevamo in modo particolare a questa vittoria perché volevamo dedicarla alla famiglia Passalacqua. E´ il modo migliore per dimostrare il nostro attaccamento a questa maglia e a questa società e per dimostrare vicinanza alla famiglia in un momento particolare".

Risultati sesta giornata di ritorno
Defensor Viterbo-Consum.it Siena 75-52
Carpedil Battipaglia-Ceprini Costruzioni Orvieto 54-60
Solar Energy Battipaglia-Job Gate Napoli Bk Women 64-58
Passalacqua Spedizioni Ragusa-Cus Chieti 48-41
Termocarispe La Spezia-RomaSistemi So.Se.Pharm Pomezia 75-50
Saces Dike Napoli-Sogeit La Spezia 62-51
Free Woman Ancona-Il Fotoamatore (oggi alle 20.30)

Prossimo turno
Il Fotoamatore Firenze-Solar Energy Battipaglia
Job Gate Napoli Bk Women-Passalacqua Spedizioni Ragusa (sabato ore 19)
Consum.it Siena-Saces Dike Napoli
Cus Chieti-Free Woman Ancona
Ceprini Costruzioni Orvieto-Termocarispe La Spezia
RomaSistemi So.Se.Pharm Pomezia-Carpedil Battipaglia
Sogeit La Spezia-Defensor Viterbo