Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 681
RAGUSA - 14/01/2012
Sport - Basket: turno casalingo dopo due trasferte

Nova Virtus non vuole mollare contro Rosarno

Esordio casalingo per Mattia Terrana
Foto CorrierediRagusa.it

Torna a giocare in casa, dopo due trasferte consecutive, la Nova Virtus che per la seconda giornata di ritorno di Dnc, girone I, ospiterà al PalaPadua (domenica ore 18) la Veolia Rosarno.

I virtussini hanno iniziato il ritorno perdendo lo scontro diretto di domenica scorsa a Reggio Calabria contro l´Audax, così restando in coda alla graduatoria con 4 punti, a ben 6 lunghezze dai reggini. A quota 12, invece, un folto nucleo di squadre, tra cui anche Rosarno.

Il quintetto ragusano non vuole mollare ed, anzi, incentivare gli sforzi per inanellare altre vittorie e punti preziosi, anche se le speranze di salvezza si fanno di giornata in giornata sempre più remote. A retrocedere, infatti, saranno immediatamente due compagini, mentre la terz´ultima e la quart´ultima dovranno evitare la retrocessione in C regionale nel play-out. In ogni caso, il baby-quintetto di Gianni Recupido dovrà onorare sino in fondo il torneo e tenere desta la fiammella sin quando sarà stata la matematica a condannarla.

Ovviamente, neanche contro Rosarno, Mammana e soci potranno avere vita facile. Il team allenato da Francesco Gualtieri è certamente tra i più esperti e scorbutici della categoria, con almeno cinque giocatori di assoluto livello. Si tratta delle guardie Antonio Iaria e Pasquale Crucitti (entrambi con tanti punti nelle mani), e dei «lunghi» Devis Brugalossi e Salvatore Alfonso (ex Trapani e Cosenza), mentre a completare il quintetto è quasi sempre il giovane Vincenzo Speranza.

Per la Nova Virtus, contro Rosarno, è invece previsto l´esordio stagionale interno di Mattia Terrana. La parola d´obbligo è quella di contenere le bocche di fuoco ospiti con una difesa asfissiante e, di contro, attaccare con pazienza la classica zona che quasi certamente i calabresi schiereranno per larghi tratti della contesa.