Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 927
RAGUSA - 16/12/2011
Sport - Basket: ultima partita casalinga per i ragazzi di Recupido

Virtus contro Canicattì, ultima chiamata salvezza

La Nova Virtus non ha ancora abdicato alla salvezza, malgrado resti ultima solitaria con soli due punti ed a debita distanza dagli 8 punti del trio Audax, Rosarno e Paternò Foto Corrierediragusa.it

Ultima chance per la Nova Virtus che vuole sfatare quello che è diventato un autentico tabù, la vittoria sulproprio parquet del Palapadua. Domenica alle 18 (arbitri Ramondini e Placanica) la squadra di Gianni Recupido ospita la Gaudium Canicattà per la penultima giornata del girone d´andata, ma anche per l’ultima partita interna dell’anno. E quello che manca ancora agli imberbi ragazzini di casa è proprio il successo tra le mura amiche che farebbe anche tanto morale e altrettanta classifica.

La Nova Virtus non ha ancora abdicato alla salvezza, malgrado resti ultima solitaria, con soli due punti in graduatoria ed a debita distanza dagli 8 punti del trio Audax, Rosarno e Paternò.

Proprio gli avversari, che, dopo l’ultimo cimento dell’anno a Racalmuto, la Nova Virtus incontrerà allo start del 2012 e del girone di ritorno. Ogni residua speranza di salvezza passerà dunque da quegli incroci che sarebbe meglio «attraversare» con altri due punti già in carniere segnando altresì la tanto agognata svolta e l’altrettanto auspicato salto di qualità.

Speranze legittime perché i giovani virtussini hanno tenuto testa a tutti gli avversari (eccezion fatta per Trapani che fa corsa a sé) ma pagando quasi sempre dazio per l’inesperienza.

Contro la multinazionale agrigentina allenata da Giuseppe Zugno serve l’impresa visto che Canicattì ha un roster profondo e di grande talento, infarcito, come accennato, da tantissimi oriundi argentini. Juan Mauti, Damian Cena, Gonzalo Beltram, e tutti gli altri (Messina, Campos, Bisignano, Sortino, quest’ultimo neo arrivato al posto del più talentuoso Di Marco) è tutta gente di estro e di mestiere, ma forse domenica più che mai la Nova Virtus dei ragazzini avrà voglia di fare un regalo al suo appassionato pubblico.