Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 1084
RAGUSA - 04/12/2011
Sport - Basket: non serve una bella prestazione di Cassì e Mammana

Nova Virtus battuta con onore a S. Filippo del Mela, 72 - 76

I ragusani hanno tenuto sempre in bilico il risultato ma alla fine hanno ceduto
Foto CorrierediRagusa.it

Cocuzza San Filippo 72
Nova Virtus Ragusa 66

Cocuzza: Barbera 14, Coppolino 5, Catanesi 11, Cassisi, Gritti 5, Graciotti, Mobilia 12, Stuppia 3, Vento 6. All. Romeo

Nova Virtus: Girgenti ne, Distefano M. 4, Iurato 8, Pellegrino ne, Emmolo 8, Giarrusso 2, Salafia 2, Canzonieri 11, Cassì 16. All. Recupido.
Arbitri: Savì di Palermo e Matranga di Alcamo

Note: parziali: 17-14; 39-30; 58-46. Cocuzza: tiri da due 18/41, da tre 9/19, liberi 9/19; Nova Virtus: tiri da due 14/30, da tre 8/21, liberi 14/21.


La Nova Virtus paga duramente dazio, per l’unica amnesia (break di 13-2) patita a metà seconda frazione ed esce sconfitta dal palasport di San Filippo del Mela, proscenio del Cocuzza.

Primo tempo di studio, con le due formazioni che mordono in difesa ma poco precise in attacco. L’equilibrio regna sovrano, anche perché il pimpante Catanesi trova l’alter ego, nelle file della Nova Virtus, nel rientrante Mammana. Gli ospiti, perciò, tengono botta (17-14 al 10’). Si riparte ed è proprio la Virtus a mettere la testa avanti, grazie alla prima tripla di Carlo Cassì (22-25 al 15’). Ma a quel punto gli iblei vanno in letargo e rimediano l’imbarcata.

E’ Barbera a griffare il parziale locale di 13-2 ed a suggellare il primo strappo con 6 punti consecutivi che porta i tirrenici al riposo lungo sul 39-30 (con il Cocuzza che chiude con il 50% da tre la prima parte dell’incontro). Toccato il massimo svantaggio alla ripartenza (41-30 firmato da Vento), la Nova Virtus prova e trova la riscossa con due siluri di Cassì (4/9 da tre ma 1/6 da due alla fine per lui) che porta i suoi a meno 7 (45-38 al 22’). Al gong del 30’, perciò, il team di coach Romeo mette l’ipoteca sul match (58-46).

I giovani ragusani hanno carattere, non mollano, serrano la difesa e ricuciono con Mammana ed Emmolo, rientrando in partita (58-51 al 34’). Si sbaglia a ripetizione su entrambi i fronti, ma i ragazzini ci credono, arrivano a meno 5 con Mammana pur gravato da 4 falli, idem Iurato (61-56 al 36’). E’ però ancora Bolletta a mozzare le speranze ragusane con l’ennesima bomba (64-56 al 38’), coadiuvato da Barbera.

Manco a dirlo, Cassì «urla» la resistenza ed evita la resa prematura con canestro e libero suppletivo (66-59 al 38’). Ora è, a tutto tondo, la sagra delle triple con Emmolo che accende nuovamente gli ospiti (68-63 al 40’), ma «carneade» Bolletta spegne ogni velleità ospite con la stessa moneta (71-63), anche perché Matteo Distefano sbaglia due liberi. L’ultima tripla di Emmolo, infatti, arriva troppo tardi perché la Nova Virtus possa ancora sperare.