Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 738
RAGUSA - 21/11/2011
Sport - Calcio: pari buono ma poteva essere vittoria per gli azzurri contro il Città di Messina

Ragusa consapevole della sua forza, a Messina è stata una dimostrazione di maturità

Per il tecnico Pino Rigoli si tratta di gestire al meglio gli uomini ed evitare incidenti di percorso
Foto CorrierediRagusa.it

C’è rammarico in casa Ragusa per quello che poteva essere e non è stato. Dice Pino Rigoli: «Meritavamo la vittoria, abbiamo giocato meglio e creato molte occasioni. E non capisco ancora perché l’arbitro ha annullato la rete di Bonaffini».

La vittoria al Celeste avrebbe potuto essere una mazzata dal punto di vista psicologico per il Città di Messina che tra le due squadre è quella che ha rischiato sicuramente di più. Il Ragusa ha dimostrato di essere più squadra e di avere qualche solista in più. Nicola Arena innanzitutto. Il ragazzo di Marina di Ragusa ha raggiunto ormai la maturità ed è elemento trainante di tutta la squadra. Ma le notizie confortanti vengono anche dai giovani Fontana e Buscema che si sono conquistati un posto di titolare nonostante la concorrenza spietata di gente come Sapienza e Parente. Il Ragusa è insomma in ottima salute e si vede.

«Peccato davvero – dice ancora il presidente Giuseppe Rimmaudo (nella foto: a sin.) – Una vittoria non avrebbe chiuso il campionato ma ci sarebbe servita. Non pensiamoci ancora su ed affrontiamo il Misterbianco nel migliore dei modi». Da Messina comunque, se ce ne era bisogno, è ritornata una squadra che è consapevole della sua forza a prescindere dall’avversario.

E´ successo domenica:

Città di Messina – Ragusa 0-0

Città di Messina: Di Dio, Nicolò (´94), Bombara, Cucè (´92), Cordima (´93), Frassica (VK), Pirrotta (dall´82´ Giardina), Assenzio (K), Rosa (dal 75´ Fugazzotto), Camarda, Buda (dal 67´ Russo). In panchina: Mannino (´95), Fragapane (´94), Cappello, Ricciardo (´94). Allenatore: Pasquale Rando.

Ragusa: Pandolfo (´93), Gona (´93), Milazzo, Buscema (´94), Vindigni (VK), Fontana, Bonaffini (dall´89´ Truglio), Pellegrino (K), Saraniti, Arena (dall´82´ Sapienza), Sisalli (dal 70´ Parente). In panchina: Paracucchi (´93), Bruno (´94), Di Vita (´94), Corso (´94). Allenatore: Pino Rigoli.
Note - Ammoniti: al 12´ Frassica (CdM), al 25´ Gona (R), al 63´ Saraniti (R).

Arbitro: Alessandro Colinucci di Cesena.
Assistenti: Antonino Giambrone e Marco Sciortino di Agrigento. Recupero: 2 e 3´.


Ragusa in cattedra ma è solo 0 – 0. Gli azzurri sono andati vicinissimi al gol con un palo clamoroso di Parente a metà del secondo tempo, hanno avuto un gol annullato per fuorigioco e proprio nel finale Bonaffini con una splendida rovesciata ha sfiorato i palo con Di Dio battuto. Gran bella cornice al Celeste con due mila spettatori in tribuna e squadre che hanno onorato fino in fondo il loro ruolo di capolista. La loro corsa si è fermata a dieci vittorie ma riprenderà subito di sicuro perché si tratta di due compagini da categoria superiore. Nicola Arena è stato il mattatore dell’incontro nonostante non sia andato in gol. La punta azzurra ha fatto ammattire la difesa giallorossa con slalom, serpentine, scatti , tiri ed assist. Al 33’ solo un grande intervento di di Dio ha fermato il tiro dell’attaccante ragusano. Gli azzurri sono andati vicinissimi al gol già al 4’ prima con Sisalli e poi con Pellegrino mentre il Città di Messina è apparso un po’ impaurito rispetto al gioco messo in mostra dal Ragusa. Solo Rosa si è fatto vivo nel primo tempo ma è stato contenuto.

Ci ha provato Buda al 20’ ma il suo tiro è stato ben controllato. Nel secondo tempo Ragusa ancora in cattedra sempre con uno scatenato Arena; poi Rigoli decide per il cambio Sisalli Parente e quest’ultimo colpisce il palo. Al 32’ la rete annullata a Bonaffini mentre il Messina esercita una supremazia solo territoriale perché è il Ragusa a tenere in mano il pallino del gioco.

Una prova di maturità e di grande personalità da parte degli uomini di Rigoli che ha preparato bene la partita mettendo la museruola a Camarda e Pirrotta. Il campionato continua ma lo scontro del Celeste che è il Ragusa la squadra da battere

I risultati della 11ma giornata (20 Nov. 2011)

Acicatena - Enna 2 - 0
Caltagirone - Leonzio 1 - 0
C.di Messina - Ragusa Calcio 0 - 0
C.di Vittoria - A. Catania 1 - 0
Misterbianco - Due Torri 1 - 2
Modica Calcio - Taormina 1 - 1
Orlandina - Trecastagni 2 - 0
Real Avola - Comiso 2 - 1

La Classifica

Ragusa Calcio 31
Città di Messina 31
Real Avola 23
Città di Vittoria 23
Due Torri 19
Acicatena 19
Misterbianco 14
Aquila Caltagirone 14
Taormina 13
Comiso 13
Orlandina 12
Atletico Catania 12
Trecastagni 8
Modica Calcio 6
Leonzio 1909 3
Enna Calcio -2