Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:51 - Lettori online 427
RAGUSA - 04/11/2011
Sport - Basket: 7ma di andata con trasferta insidiosa per i ragusani

Nova Virtus a Gela per schiodare lo zero in classifica

Il parquet gelese è tradizionalmente favorevole alla squadra di Recupido

Ostica trasferta, per la Nova Virtus, nella settima giornata di andata di Dnc. Il quintetto ragusano dovrà rendere visita al Basket Gela. Un campo quello nisseno, tradizionalmente assai favorevole agli iblei.

La squadra di Andrea Bianca, annoverata alla vigilia del torneo come una delle possibili outsider, invece, ha forse assai deluso sino a questo momento, avendo conseguito solo due successi, anche se ha scontato, obiettivamente, un calendario quanto mai difficile. Da ultimo, Gela ha riportato una pesante sconfitta sul parquet dell’Amatori Messina, ove sette giorni prima, proprio la Nova Virtus aveva perso, ma dopo aver assaporato a lungo il gusto del successo e per soli 4 punti. Una «batosta», quella del Basket Gela a Messina, invero determinata anche dalle precarie condizioni fisiche di molti atleti. Ma che sembrerebbe, comunque, aver indotto i dirigenti nisseni a ridimensionare gli obiettivi pre-stagionali.

In questa ottica il taglio in settimana dell’ala-pivot Massimo Vergara, tra l’altro tra i migliori per rendimento e già accasatosi in Toscana, e la possibile rescissione del contratto, già nelle prossime ore, anche con il play oriundo argentino Andres Sartori e con il gigantesco totem italo-bosniaco Bojan Radovanovic (lo scorso anno in B dilettanti a Catanzaro).

Sarà certamente della partita, ad onta di condizioni fisiche ancora precarie, anche il grande ex della giornata. Ossia, l’ex capitano della Nova Virtus, Alessandro Sorrentino, praticamente l’unico dei nuovi acquisti gelesi che non rischia la «defenestrazione». Proprio Sorrentino ha «giurato» nei giorni scorsi sulla vitalità e sulla voglia di riscatto del roster locale che annovera, peraltro, un altro «ibleo»: l’eccellente, guizzante e giovane play, di nascita e scuola «made» in Santa Croce Camerina, Giovanni Occhipinti. Da guardare a vista anche l’eclettica ala Emanuele Caiola.

Per la Nova Virtus, insomma, non sarà, come sempre, facile. Tutt’altro, ma le probabili e pesanti defezioni in seno ad un team che sconta un momento forse ancora più difficile di quello dei giovani virtussini (sempre a zero punti, ma protagonisti comunque in ogni occasione, di gare combattute ed assai equilibrate) devono indurre Cassì e soci a moltiplicare gli sforzi ed a fare di tutto per confermare la tradizione che vede la Nova Virtus sempre vincente a Gela.